La barca va a fuoco? Niente panico, ecco come gestire la situazione

Se avete un incendio a bordo la prima cosa da fare è non farsi prendere dal panico. Ovviamente è necessario chiamare subito i soccorsi e se la situazione è fuori controllo abbandonare subito l’imbarcazione. Nel frattempo, se l’incendio è ancora localizzato in un vano, isolatelo più che potete, chiudendo i pannelli e manovrando in modo da tenere l’incendio sottovento al resto della barca. Ora dovete agire anche con gli estintori, quelli in polvere sono i più diffusi coprono la quasi totalità dei casi di incendio. Ricordate che un estintore a polvere di 1 kg è sufficiente, a spegnere una quantità di 13 litri di benzina (13 B). Attenzione con l’acqua di mare, che in realtà spesso e volentieri, non deve essere presa in considerazione per due motivi: è più pesante del combustibile liquido, per cui un incendio di gasolio o benzina diventa difficile da spegnere e si rischia di propagarlo maggiormente, ed è pericolosa su impianti elettrici sotto tensione. Se versata sulle batterie potrebbe mandarle in corto e farle esplodere. Potete però immergere le vostre coperte nell’acqua di mare e cercare di spegnere l’incendio soffocando la fiamma.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su