developed and seo specialist Franco Danese

Occhio diportisti: ecco come vi spennano in Croazia

Il Vocabolario Semiserio del Velista – Parte 13: da Bonaccia a Branda
16 agosto 2018
Le manovre semplici: come mollare l’ormeggio senza pensieri
17 agosto 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Se state navigando serenamente in Croazia e non volete rovinarvi le vacanze vi consigliamo di leggere la lettera che ci ha inviato Stefano, un diportista sta veleggiando nelle acque croate e che è stato multato per un motivo assurdo: una volta effettuata l’uscita dal porto doveva per legge abbandonare le acque territoriali al più presto. Avevamo già parlato della costosa burocrazia croata (CLICCA QUI) e adesso vi consigliamo di fare attenzione anche a questa eventualità.

Durante la navigazione in Croazia qualche giorno fa, subito dopo aver fatto l’uscita a Dubrovnik per proseguire a Sud con destinazione successiva Grecia, abbiamo costeggiato le mura della città vecchia per scattare due foto al Castello, dopodiché abbiamo preso il largo. A circa 12-15miglia a sud siamo stati inseguiti e fermati da una motovedetta della polizia Croata, la quale ci ha contestato un’infrazione da pagarsi immediatamente con carta di credito, inizialmente di 650 kune che che pochi minuti dopo sono diventate 1000 kune. La motivazione è che una volta effettuata l’uscita uno deve per legge uscire dalle acque territoriali al più presto.
Dalla foto del plotter si evince la ns rotta e il punto dove siamo stati fermati. L’uscita del porto di Dubrovnik punta a nord , quindi per andare a sud si va comunque in quella direzione. Non ci siamo fermati e non abbiamo stazionato nemmeno un secondo.
Abbiamo pagato e taciuto ma vorrei sapere se qualcuno ha vissuto esperienze analoghe.

PS : facendo un calcolo spannometrico presumo che l’inseguimento per recuperare le 1000 kune di multa a loro sia costato almeno 10000 Kune. A detta del poliziotto fanno 10 multe al giorno per lo stesso motivo.

 

Stefano

7 Comments

  1. Alessio ha detto:

    Questo è uno dei molti motivi per cui ho smesso di frequentare la Croazia e i Croati da diversi anni. Grecia for ever.

  2. Tommaso Stasi ha detto:

    Forse bisognava esporre la bandiera gialla, una volta fatto il check out, per poter navigare entro le 12 miglia

  3. Fabrizio ha detto:

    Era per caso equipaggiato con AIS?
    Ho già sentito storie simili per imbarcazioni con AIS.
    Vengono monitorate in ingresso ed uscita e multate

  4. walter ha detto:

    bisogna sempre sapere che sono sempre alla ricerca di soldi prova andare elle incoronate e non pagare il permesso per l entrata

  5. GIGO ha detto:

    Perché vieni in Croazia, perché non navigate intorno alle vostre isole, quando in Croazia è così rigoroso e costoso, o vuolete tutto gratis

    • Francesco ha detto:

      Caro gigo non parlare cosi’ che se tutti ascoltassero le tue provocazioni e veramente manderebbero a cagare la Croazia, credo che morireste di fame visto che campate principalmente di poveri turisti che si ostinano a passare le vacanze da quelle parti.

  6. Paolo ha detto:

    ha ragione gigo, perche vi ostinate ad andare in croazia, rimanete in Italia, tanto si spende uguale, oppure andate in Grecia ,come ho fatto io, gia da due anni ci vado, si sta bene nessuno ti rompe i coglioni e la gente è molto piu cordiale e gentile dei fottuti croati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi