Giro del mondo in equipaggio, 45 anni di grande sfide ma adesso si cambia. PRIMA PARTE

L’ingresso degli IMOCA 60 di fianco ai Volvo Ocean 65 monotipi è ormai ufficiale, anche se ancora non è certo quale sarà il nome della regata. Il giro del mondo in equipaggio però è una storia che va avanti dal 1973, una storia epica fatta di Oceani, uomini e barche. La andiamo a ripercorrere edizione per edizione, in attesa di sapere che ne sarà di una delle regate più famose al mondo.

IL PERIODO EROICO

Edizione 1973-74

Alla prima edizione della Whitbread partecipano 17 imbarcazioni: c’è anche il mitico Eric Tabarly con il suo Pen Duick VI. Tre le barche italiane al via: Guia di Giorgio Falck, CS&RB di Doi Malingri e Tauranga di Eric Pascoli. Vince il messicano Ramon Carlin a bordo dello Swan 65 Sayula, con un equipaggio composto da parenti e famigliari. La Whitbread si guadagnò la fama di regata più pericolosa del mondo già a partire dall’edizione del 1973/74. A morire furono tre marinai: Paul Waterhouse, imbarcato sullo Swan 55 italiano Tauranga e lo skipper di 33 Export Dominique Guillet caddero in mare e non vennero mai più ritrovati, mentre l’inglese Bernie Hosking, facente parte del team di Great Britain II, fu ripescato dopo essere caduto nel Mar di Tasmania ma vani furono i tentativi di rianimarlo.

’77/78

Il Flyer

La Whitbread del 1977/78 consacra l’industriale olandese Cornelis Van Rietschoten che vince a bordo del ketch Flyer. Il suo segreto? Un approccio che potremmo definire già professionistico, con lunghi periodi dedicati a testare le prestazioni della barca e sessioni di allenamento per l’equipaggio. L’unica barca italiana a prendere parte a questo giro del mondo è B&B Italia, capitanata da Corrado Di Majo, a bordo tra gli altri anche Paolo Martinoni: Di Majo a 24 anni è lo skipper più giovane nella storia della regata. B&B chiude al nono posto.

’81/82

Nell’81/82 è ancora Van Rietschoten a imporsi su Flyer II: è tuttora l’unico ad aver vinto due giri del mondo. Ben cinque gli equipaggi italiani: Rolly Go di Giorgio Falck. Il gagomma di Roberto Vianello, Save Venice di Doi Malingri, Viva Napoli di Beppe Panada e Laboratorio di Claudio Stampi.

’85/86

La Whitbread inizia a cambiare: chi vuole vincere si presenta con barche ultratirate. L’epoca dei navigatori leggendari sta finendo per lasciare spazio a quella dei regatanti. Vince Lionel Pean su L’Esprit L’Equipe. In questa edizione non partecipa nessun equipaggio italiano.

’89/90

Ventitre barche al via, di cui 15 maxi. Ormai non c’è più spazio per gli scafi più vecchi. Torna Giorgio Falck con Gatorade (che si piazza ottava). Ma gli occhi sono puntati su un tale Peter Blake, che a bordo del ketch Steinlager II (foto in alto) vince tutte e sei le tappe della regata trionfando davanti a un altro neozelandese che farà carriera, Grant Dalton.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su