Il “racket” dei gavitelli colpisce ancora. Scandalo alle Tremiti

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

gavitelli
Sapete quanto teniamo ai campi boe, che secondo noi sono la chiave per attirare turisti “dal mare” sulle nostre coste. Ma devono essere gestiti bene, affidandone il controllo alle Capitanerie o a Enti Parco a loro volta tenuti sott’occhio.

Perché altrimenti succede quello che ci racconta Alberto: il “racket” dei gavitelli questa volta ha colpito alle Tremiti. Dove recentemente erano stati spesi un sacco di soldi per mettere in regola il sistema di ormeggi alla boa. Peccato che adesso il diportista che arrivi nelle isole pugliesi e voglia ancorarsi (pagando regolarmente) a un gavitello si ritrovi con un palmo di naso. Scrive Alberto (che ci ha inviato anche le foto che accompagnano l’articolo):

ORMEGGI ALLA BOA “REQUISITI” ALLE TREMITI
Sono un vostro abbonato da molti anni, abito a Pescara e sono proprietario di un Jeanneau a vela di 37 piedi.

Purtroppo per noi l’Adriatico non offre molti spunti per un WE lontano dallo stress, le Isole Tremiti erano da sempre la soluzione per una breve vacanza e in mancanza del porto i gavitelli presenti davano sicurezza per il pernottamento.

Fino a qualche anno fa erano gestiti in maniera “artigianale”, traduco: si telefonava al “proprietario” del gavitello, si pagava la sosta ( 30 euro al giorno) e avevi il ritiro dell’immondizia, eventuale servizio navetta per l’Isola e la tranquillità che la tua barca non avesse brutte sorprese.

Tre anni fa è accaduto che tutti i gavitelli abusivi sono stati tolti e dopo molto tempo l’Ente Parco ha posizionato dei nuovi gavitelli numerati, fin qui tutto bene, il problema oggi si pone quanto si arriva in barca e non si trova nessun ormeggio libero, infatti quasi tutti i gavitelli sono stati “requisiti” da gente del posto e utilizzati per l’ormeggio di piccoli gommoncini da affittare ai turisti arrivati con i traghetti.

La mia domanda è la seguente: perché spendere centinaia di migliaia di euro per mantenere lo status quo a chi ha giovato?

Certamente il turismo nautico a vela ne risente in maniera pesante tanto che le poche barche a vela presenti sabato 28 luglio erano tutte all’ancora, apprendo che l’Ente Parco sta provvedendo ad una convenzione con il Comune per la gestione dei gavitelli anche per noi poveri turisti. Quando però non è dato sapersi.

Delusione!

Alberto

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE & AVVENTURE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

5 commenti su “Il “racket” dei gavitelli colpisce ancora. Scandalo alle Tremiti”

  1. Non si dare una valida spiegazione del perché non si riesca a controllare questo sciacallaggio/racket. Quali sono gli interessi personali e di chi? Non c’è volontà di salvaguardare ambiente, turismo e la gente che va per mare. Di tutto ciò me ne vergogno!!!

  2. Questo non è Giornalismo, è una porcheria. Informatevi prima di scrivere stupidaggini, cercate di analizzare il problema. Non c’è nessun racket. E soprattutto, il “povero turista nautico” che fa la vittima è veramente inascoltabile. Pagando cosa e a chi che i gavitelli non sono gestiti, finchè non entra tutto in funzione chi prima arriva prima prmeggia, chi lavora con le barche qui avrà anche il diritto di ormeggiare i suoi mezzi… o deve lasciarli alla deriva per fare posto al “povero turista velico” tra le altre cose, sono previsti dei gavitelli per chi ha aziende locali ne settore nautico…. colpo di scena non li hanno requisiti!!! Penoso l’articolo e penosi i commenti dei “poveri turisti nautici” perte dei quali viene solo a fare casino con la musica a palla nel cale.

    1. Probabilmente non sai che per ormeggiare un gommone basta un ancora di pochi kg con qualche metro di catena a differenza di una barca a motore/vela. Inoltre immagino che a te non ti vengano richiesti 30€ al giorno per ogni Gabriello che occupi. Giusto. Avrai sicuramente una convenzione…

  3. MA QUALI CAMPI BOA DI CAZZO…NEANCHE IN RADA SI DOVREBBE ESSERE LIBERI VISTO CHE I PORTI SE LI FOTTONO I CONCESSIONARI A NOSTRE SPESE!!?? GIORNALE DELLA VELA ..DA CHE PARTE STAI??

  4. Alessandro Balducci

    Al di là delle polemiche un gavitello a 70 Euro per notte (pagati oggi per una vela di 10 metri) mi sembra veramente eccessivo
    Sulla terraferma qui di fronte (a Vieste) ne ho pagati 40 in un marina attrezzato e fornito di tutti i servizi, acqua e corrente comprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su