FOTOGALLERY – Odissea americana, dopo 16 anni e 70.000 miglia naufragano a 150 miglia da casa

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Il viaggio di Jim e di Joy Careys è iniziato dalla Florida nel lontano 2002, a bordo di un Omega 45, Kelaerin. Doveva essere una semplice traversata dell’oceano Atlantico ed è diventata un giro del mondo durato 16 anni. Dopo oltre 70.000 miglia i due coniugi avevano deciso di tornare a casa e ci erano quasi riusciti quando all’improvviso una tempesta li ha fatti scuffiare a 150 miglia dalla meta. È bastato un attimo per ritrovarsi sommersi dall’acqua, con la barca straziata dentro e fuori. Jim ha subito chiamato i soccorsi che dopo poche ore sono riusciti a trarli in salvo, ma senza Kelaerin. La coppia, dopo 16 anni a bordo, decine di migliaia di miglia alle spalle e tutta una vita di ricordi era disperata all’idea di dover abbandonare quella che era stata la loro casa.

Dopo essere ritornati a terra ed essersi rimessi in sesto Jim e Joy si erano quasi rassegnati all’idea di non rivedere mai più Kelaerin. Poi un giorno, all’improvviso, è arrivata la notizia del ritrovamento della loro zattera di salvataggio. La speranza di ritrovare la barca si è improvvisamente riaccesa, ma ci sono voluta ancora alcune settimane prima che il Barracuda, incrociatore della Guardia Costiera degli USA, la ritrovasse, a 440 miglia dall’ultima posizione nota, e la riportasse a Fort Bragg, California.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su