developed and seo specialist Franco Danese

25 anni fa l’addio al “corsaro” Gardini: l’uomo che ha reso grande la vela italiana nel mondo

Partito! Il Golden Globe di Francesco Cappelletti adesso è realtà
23 luglio 2018
Caro Ministro del Turismo, le spieghiamo perché vanno messi subito i campi boe lungo le nostre coste!
24 luglio 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


Il 23 luglio del 1993, esattamente 25 anni fa il “corsaro” Raul Gardini,
l’uomo che ha reso popolare la vela in Italia (e grande la vela italiana nel mondo) si toglieva la vita con un colpo di pistola in testa. La sua morte è tuttora velata di un alone di mistero, e la fine dell’imprenditore romagnolo aprì gli occhi di tutti sul sistema Tangentopoli.

L’EREDITA’ DEL “CORSARO”
Ma a noi interessa il Gardini appassionato di vela, il Gardini del Moro di Venezia, l’unica barca italiana, ad oggi, ad aver vinto una regata nella finale di Coppa America contro gli imbattibili yankee, a San Diego, nel 1992. Con la serie di barche che portano il fortunato nome (la prima è il maxi del 1975 progettato da un giovane German Frers) Gardini portò la vela italiana ad un altro livello: di fatto l’esperienza Moro fu quella che delineò la figura del “velista professionista”, per non parlare del balzo in avanti tecnologico e di cosa si inventava allora nei cantieri Tencara di Marghera, davanti ai capannoni Montedison. E del grande seguito popolare: nei bar italiani si parlava di bompressi, virate, strappate e non più di calcio, durante quella mitica edizione dell’America’s Cup. E l’equipaggio, capitanato dal “baffo” Paul Cayard, venne accolto in patria trionfalmente nonostante la sconfitta.

Per capire chi era Raul Gardini, vi consigliamo di leggere la storia del Moro di Venezia che ci hanno raccontato due membri dell’equipaggio, Max Procopio e Dudi Coletti. “Quando parlavi con lui”, rivela Procopio, “tutto ti sembrava semplice, anche la più impossibile delle imprese”.

LEGGI QUI LA STORIA DEL MORO DI VENEZIA RACCONTATA “DIETRO LE QUINTE”

Qui sotto invece vi raccontiamo che fine hanno fatto dieci dei “ragazzi” del Moro. In questo, Gardini fu davvero grande: seppe circondarsi delle persone giuste e creare un team affiatato che ancora oggi influenza la vela mondiale in ogni sua branca: che chi fa il progettista, chi naviga ancora, chi si occupa di comunicazione nella nautica. Tutti ad altissimi livelli (al punto che all’ultimo VELAFestival li abbiamo premiati con il premio alla carriera).

CHE FINE HANNO FATTO I RAGAZZI DEL MORO?

QUI IL VIDEO DELL’EVENTO DEDICATO AI RAGAZZI DEL MORO AL VELAFESTIVAL (dal min. 00:37)

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi