25 anni fa l’addio al “corsaro” Gardini: l’uomo che ha reso grande la vela italiana nel mondo

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.


Il 23 luglio del 1993, esattamente 25 anni fa il “corsaro” Raul Gardini,
l’uomo che ha reso popolare la vela in Italia (e grande la vela italiana nel mondo) si toglieva la vita con un colpo di pistola in testa. La sua morte è tuttora velata di un alone di mistero, e la fine dell’imprenditore romagnolo aprì gli occhi di tutti sul sistema Tangentopoli.

L’EREDITA’ DEL “CORSARO”
Ma a noi interessa il Gardini appassionato di vela, il Gardini del Moro di Venezia, l’unica barca italiana, ad oggi, ad aver vinto una regata nella finale di Coppa America contro gli imbattibili yankee, a San Diego, nel 1992. Con la serie di barche che portano il fortunato nome (la prima è il maxi del 1975 progettato da un giovane German Frers) Gardini portò la vela italiana ad un altro livello: di fatto l’esperienza Moro fu quella che delineò la figura del “velista professionista”, per non parlare del balzo in avanti tecnologico e di cosa si inventava allora nei cantieri Tencara di Marghera, davanti ai capannoni Montedison. E del grande seguito popolare: nei bar italiani si parlava di bompressi, virate, strappate e non più di calcio, durante quella mitica edizione dell’America’s Cup. E l’equipaggio, capitanato dal “baffo” Paul Cayard, venne accolto in patria trionfalmente nonostante la sconfitta.

Per capire chi era Raul Gardini, vi consigliamo di leggere la storia del Moro di Venezia che ci hanno raccontato due membri dell’equipaggio, Max Procopio e Dudi Coletti. “Quando parlavi con lui”, rivela Procopio, “tutto ti sembrava semplice, anche la più impossibile delle imprese”.

LEGGI QUI LA STORIA DEL MORO DI VENEZIA RACCONTATA “DIETRO LE QUINTE”

Qui sotto invece vi raccontiamo che fine hanno fatto dieci dei “ragazzi” del Moro. In questo, Gardini fu davvero grande: seppe circondarsi delle persone giuste e creare un team affiatato che ancora oggi influenza la vela mondiale in ogni sua branca: che chi fa il progettista, chi naviga ancora, chi si occupa di comunicazione nella nautica. Tutti ad altissimi livelli (al punto che all’ultimo VELAFestival li abbiamo premiati con il premio alla carriera).

CHE FINE HANNO FATTO I RAGAZZI DEL MORO?

QUI IL VIDEO DELL’EVENTO DEDICATO AI RAGAZZI DEL MORO AL VELAFESTIVAL (dal min. 00:37)

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi