Vino, birra e alcolici a bordo: ecco come sceglierli (senza esagerare)

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta di tutti i segreti per diventare un cambusiere provetto e gestire al meglio le risorse alimentari della barca. Nella prima puntata vi abbiamo parlato del profilo migliore da tenere per occuparsi della cambusa, evitando litigi e rispettando gli spazi altrui, nella seconda abbiamo stilato una lista di cosa avere in cucina per essere superaccessoriati, nella terza come e dove stivare i cibi, nella quarta i trucchi per la conservazione di frutta e verdura.

GLI ALCOLICI A BORDO

Ora ci occupiamo di quello che non deve mancare mai a bordo: le bevande alcoliche. Avete capito bene, non fate i bacchettoni. E non fate finta di non conoscere la storia di Chichester che dopo il suo giro del mondo pronunciò la mitica frase: “Ogni sciocco potrebbe fare il giro del mondo a vela, ma ci vuole un marinaio con gli attributi per riuscire a farlo da sbronzi”. Ovviamente c’è anche un’altra regola, che vi consigliamo caldamente di rispettare: “Mai bere prima del tramonto”.

IL VINO

Come abbiamo già visto nella prima puntata, le bevande alcoliche sono un must per tutti quelli che navigano: la loro scelta è legata ad alcuni criteri importanti. Primo dei quali è la stagionalità: per le loro caratteristiche organolettiche (ovvero colore, profumo, gusto e retrogusto) e di livello alcoolico, ad esempio, i vini da preferire durante le crociere estive sono quelli bianchi e leggeri, che di norma vanno serviti freddi.

Oltretutto, sono quelli che garantiscono accoppiamenti ottimali con i piatti a base di pesce, molluschi, crostacei, verdure e carni bianche, ed in generale con piatti di cottura rapida e con i sughi poco strutturati. In alternativa si possono poi stivare anche dei vini rosati che sono varianti dal gusto sicuramente più sfizioso e fruttato. Con queste etichette comunque è possibile realizzare accoppiamenti interessanti con pietanze gustose a base di pesce, pastasciutte con sughi delicati, salumi leggeri. Chi ama il vino rosso per la barca scelga comunque quelli meno impegnativi per la gradazione alcoolica e che possano essere serviti insieme alle carni rosse o a quelle di maiale.

LE BIRRE E I SUPERALCOLICI

Diversa la questione relativa alla birra che è innanzitutto considerata un prodotto estivo e dissetante al di là dei suoi abbinamenti alimentari e che per questo viene scelta e bevuta molto in estate. Tra le birre più adatte alla navigazione ci sono comunque quelle a bassa fermentazione, di tipo “lager”, delle quali fanno parte le classiche chiare “pils” o le tedesche, sempre bionde e più forti “bock”.

Non male anche scegliere le birre più corpose, le cosiddette “ale”, che sono quelle realizzate con processi di alta fermentazione e nelle quali è più presente il lievito. Sono in genere birre inglesi, come le amare e poco alcooliche “bitter”, o belghe, come le famosissime “trappiste” quelle che sono prodotte in base a antichi disciplinari d’abbazia. Si tratta di bevande più forti e corpose ma che, nonostante questa loro caratteristica, benissimo si sposano, fredde, a piatti ricchi di grassi e di carne. Molto bevute nelle stagioni calde e adatte anch’esse al consumo in barca sono poi le birre di frumento (ovvero birre ad alta fermentazione caratterizzate dall’ampio uso nella loro ricetta di frumento insieme al malto), note come “weiss”, cioè bianche, perché il loro colore è di un giallo più chiaro e pallido rispetto alle bionde normali.

Per quanto riguarda infine i superalcolici, questi grazie proprio alla loro alta gradazione non danno problemi di conservazione e quindi vanno scelti, nel caso li si voglia portare in crociera, in base ai propri gusti personali o all’uso da farne nella preparazione di cocktail.

IL VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELLA CAMBUSA PERFETTA CONTINUA…

QUI IL LINK ALLA QUARTA PUNTATA

QUI IL LINK ALLA TERZA PUNTATA

QUI IL LINK ALLA SECONDA PUNTATA

QUI IL LINK ALLA PRIMA PUNTATA


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su