developed and seo specialist Franco Danese

VIDEO Tsunami alle Baleari: l’esperto spiega che cosa è successo

Doppietta di Hanse: pronto il lancio del 458 e del 508 per i saloni autunnali
17 luglio 2018
Tutti i segreti della prima barca al mondo stampata in 3D (che è italiana e farà la Mini Transat)
18 luglio 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

tsunamiSiamo abituati a pensare agli tsunami come a un fenomeno che interessa soltanto il sudest asiatico. Ma non è così. Un mini tsunami si è abbattuto lunedì 16 luglio sulle isole spagnole di Maiorca e Minorca. L’onda anomala ha allagato spiagge e strade, trascinando via tavoli, sedie e ombrelloni, causando la fuga di massa dei turisti. La località più colpita è stata Ciutadella, a Minorca.

GUARDA IL VIDEO

TSUNAMI, COS’E’ E COME SI FORMA
Cosa vuole dire tsunami? L’origine del termine è giapponese: la parola è composta da tsu, che si traduce porto, e nami, che significa maroso, grande onda. Questo sta a significare che lo tsunami è un’onda lunghissima che si abbatte sulla terraferma e sui porti, senza danneggiare navi e barche in alto mare, che quasi non si accorgono del fenomeno. Ma come si formano gli tsunami? Quando si verifica un terremoto con epicentro subacqueo, può succedere che parte della crosta oceanica si elevi oppure subisca un abbassamento. Lo spostamento d’acqua genera un’onda che, una volta che raggiunge la costa, può sommergerla nel giro di pochi minuti.

Riccardo Ravagnan, Meteo Forecast & Services Manager
di Meteomed.

L’ECCEZIONE DELLE BALEARI (SPIEGATA DALL’ESPERTO)
Nel caso del mini tsunami alle Baleari, però, non è stato così. Ci spiega tutto Riccardo Ravagnan di Meteomed:Lo tsunami non è stato indotto da fenomeni geologici come avviene nel caso dei terremoti, ma dal passaggio di un’intensa perturbazione caratterizzata da imponenti nubi temporalesche in medio-bassa troposfera, favorendo in tal modo forti raffiche di vento e improvvise variazioni di pressione atmosferica che – per complesse dinamiche fisiche – forniscono energia potenziale e cinetica alle onde del mare. Affinché possano generarsi questi tsunami, la velocità del fronte perturbato deve essere pressoché identico a quello del moto ondoso”.

MINI TSUNAMI ALLE BALEARI, CATAMARANO IN DIFFICOLTA’

SCOPRI TUTTE LE VIDEO NEWS

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fai il bordo giusto, iscriviti!

La newsletter più completa per il mondo della vela