Medplastic, partecipa al contest Instagram e vinci un weekend su una barca molto speciale

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

C’è un altro motivo per partecipare al contest fotografico Instagram “No Plastic” di Medplastic (in calce vi spieghiamo come funziona), oltre ai già citati premi e il fatto che inviandoci la vostra testimonianza contribuirete a salvare il Mediterraneo.

VINCI UNA VACANZA IN BARCA IN GRECIA
Ci ha chiamato Fabio Portesan, il novarese che lo scorso anno ha deciso di mollare tutto e partire in barca con la sua famiglia in giro per il mondo in barca a vela (QUI la sua bellissima storia): “Splendida iniziativa quella di Medplastic, ragazzi. Mi piacerebbe contribuire”, ci ha detto, “mettendo in palio, per i vincitori del contest, un’esperienza a bordo della nostra barca a vela”.

Non ce lo siamo fatto ripetere due volte: tra gli autori delle foto e dei video più belli che ci saranno pervenuti nel corso dell’anno, estrarremmo una vacanza di tre giorni a bordo di Gentilina, l’Oceanis 430 di Fabio e famiglia. “L’anno prossimo saremo molto probabilmente in giro tra le isole greche, non vediamo l’ora di ospitare a bordo – vitto e “alloggio” ce li mettiamo noi – il vincitore”. Per capire che personaggi sono, non vi resta che dare un occhio al loro blog www.valeila.com

Adesso non avete più scuse.

Time to Take Action (è tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il nuovo progetto del Giornale della Vela per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, partecipate al contest Instagram NO Plastic e scoprite di più su medplastic.org

COME PARTECIPARE AL CONTEST INSTAGRAM “NO PLASTIC”

1. A partire dall’1 giugno, scatta una foto (o registra un video) ogni volta che vedi, raccogli o previeni un rifiuto in mare (attenendoti al tema: Time to take Action)

 

2. Metti like a Giornale della Vela su Instagram e Facebook e inviala all’inbox di @giornaledellavela su Instagram (o postalo sul gruppo Facebook MedPlastic Team): ricordati di inserire dove e quando è stata scattata e di inserire l’hashtag #MedPlastic

 

3. Il GdV la ripubblicherà e la foto che nell’arco dell’anno prenderà più voti sarà la vincitrice (con premiazione al VELAFestival 2019)

 

 

LO SPIRITO DI MEDPLASTIC
Grazie anche a tutti gli utenti attivi del Gruppo Medplastic, che condividono ogni giorno spunti, notizie utili, decaloghi, idee, prodotti alternativi a impatto zero. Questo deve essere lo spirito di Medplastic. La salute del Mediterraneo (e la nostra) dipende da noi stessi. Stiamo lavorando sodo, per fare da cassa di risonanza e veicolare sui nostri canali un enorme problema (date anche un’occhiata al sito www.medplastic.org). Un problema a cui possiamo, e dobbiamo, trovare soluzione in tempi rapidi. Chi avesse progetti già avviati/strutturati da proporci, può mandare una mail a savethemed@gmail.com

T.O

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Le mascherine disperse in mare? Diffusori di microplastiche

Le mascherine sanitarie disperse in mare rappresentano un duro colpo per gli oceani di tutto il mondo, già abbondantemente inquinati dalla plastica. Dal problema non è esente l’Italia dove uno studio dell’Università Milano-Bicocca ha quantificato le microfibre che possono essere

Registrati



Accedi