No Ambrogio no party: Beccaria non si ferma più, vittoria al Mini Fastnet

Non si ferma più. Non lo fermano più. Lo diciamo piano, lo sussurriamo, quasi non vorremmo dirlo ma alla fine dobbiamo: Ambrogio Beccaria potrebbe essere finalmente il velista giusto per tentare l’impresa, vincere questa “maledetta” Mini Transat che per gli italiani da sempre appare come una sorta di maledizione. Detto ciò non lo ripeteremo mai più, fino alla fine della Mini Transat 2019, perché intanto dobbiamo raccontare la sua ennesima vittoria. Il Mini Fastnet, prova di oltre 600 miglia con partenza e arrivo a Douarnenez, è di Ambrogio e del suo Pogo 3 Sponsor Wanted (Ancora?????Sveglia sponsor), condotto per l’occasione in coppia con il talentuoso francese Tanguy Le Turquais.

Il podio Mini Fastnet tra i serie. Da sinistra Amelie Grassi e Davy Beaudart, Ambroccio Beccaria, Tanguy Le Turquais, Clarrisse Cremer ed Erwan Le Draoulec

Beccaria ha fatto quello che sa fare al top, portare la barca al massimo dimostrando ancora una volta un feeling incredibile da raggiungere in così poco tempo, considerando che si tratta appena della quarta regata sulla nuova barca e siamo già alla terza vittoria. Subito tra le prime posizioni fin dalle prime battute e nel cruciale giro dello scoglio del Fastnet e marcatura in stile match race nella discesa verso Douarnenez sui diretti avversari, la coppia Amelie Grassi e Davy Beaudart.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su