I foilo, tu foili, Pogo foila! Ma con un Mini 650 firmato Verdier

In un periodo in cui tutti “foilano”, scusate il verbo ma pare si dica così, non poteva mancare il tocco originale di Guillarme Verdier. Il genio degli IMOCA 60 volanti che ha messo lo zampino anche nel mondo della Coppa America collaborando allo sviluppo del concetto degli AC75 per la prossima Coppa America, è al lavoro su un nuovo concept per la classe Mini 650, sul fronte prototipi, realizzato dal cantiere Pogo.

Di cosa stiamo parlando? Ancora è presto per dirlo, ma dall’unico disegno diffuso emergono chiaramente degli elementi interessanti. Un mini con prua scow, come quella di tutti i prototipi vincenti nell’ultimo periodo, ma dotato di foil a L già visti sugli IMOCA 60. Va detto infatti che già nella classe Mini si sono visti degli esperimenti in questo senso, come Arkema o con il prototipo dell’elvetico Simon Kostner, ma i risultati non sono mai stati del tutto quelli attesi. Obbiettivo del progetto sarà quindi quello di rendere la barca si performante e capace di produrre un certo lift, sollevamento, per aumentare le velocità, ma anche semplice da gestire, cosa essenziale in una competizione dura come la Mini 650. Difficile dire se vedremo questa barca all’opera già nella Transat del 2019, ma è possibile.

www.pogostructures.com

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su