Nowboat, 3.000 avventure in barca a vela intorno al mondo (e aiutando l’ambiente)

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Mettere in rete gli operatori di tutto il mondo, specializzati in vacanze sull’acqua, e offrire un modello di business virtuoso: questa è l’idea di Nowboat.com, scale-up fondata da Giovanni Alessi Anghini con sede ad Hong Kong, che raccoglie oltre 800 operatori fidati in 245 luoghi intorno al mondo in una piattaforma user-friendly.

Nowboat.com consente a viaggiatori e operatori di comunicare con soli due clic: per i viaggiatori è un modo facile, veloce e divertente di prenotare avventure in barca in qualsiasi parte del mondo e per gli operatori uno strumento vantaggioso a supporto della loro attività. Il carattere virtuoso del progetto, fortemente voluto dal suo fondatore, è rappresentato dalla scelta di devolvere il 3,5% dei profitti a ONG per la salvaguardia dell’oceano e della biodiversità.

L’idea di creare Nowboat.com nasce dal desiderio di facilitare la digitalizzazione di un settore che attualmente vale 35 miliardi di dollari, e si stima che crescerà fino a 51 miliardi di dollari entro il 2020 (Fonte: Yacht Charter Market: Global Industry Analysis and Opportunity Assessment (2015-2020).

CUI PRODEST?

Nowboat.com è la soluzione ideale con benefici per tutte le parti coinvolte:

  • I viaggiatori, raccogliendo professionisti fidati in un portale trasparente, ben progettato e facile da usare, possono effettuare ricerche per prezzo, destinazione, tipo di imbarcazione o attività e contattare numerosi operatori contemporaneamente. Con 0% di commissioni!
  • Gli operatori, offrendo loro una piattaforma globale tramite la quale possono rendere disponibili le proprie imbarcazioni e attività a un pubblico in continua crescita, con un gestionale che fornisce servizi di marketing, CRM, EDM e permette di dialogare direttamente con i viaggiatori.
  • Le ONG, lavorando sulla riduzione dell’impatto del turismo dove questo avviene, permettendo ai viaggiatori di scegliere un progetto tra i 60 elencati sul sito, al quale com effettua la donazione per conto dei viaggiatori.

“Il compito della nostra generazione è quello di creare modelli di business che siano davvero in grado di restituire, in modo virtuoso e trasparente – afferma Giovanni Alessi Anghini, Founder & Ceo – È importante che siano i viaggiatori a scegliere il progetto da supportare, vogliamo renderli parte attiva nella protezione dei nostri oceani e della biodiversità”.

NO COMMISSION!

Nowboat.com non addebita alcuna commissione agli operatori elencati sulla propria piattaforma (attualmente più di 800). La scale-up basata a Hong Kong fattura agli operatori un canone mensile, garantendo loro l’accesso a strumenti per la gestione del business digitale e alle tecnologie di marketing, riducendo drasticamente i costi interni di queste aziende e fornendo loro uno strumento che va ben oltre il gestionale, e porta domanda aggiuntiva. Gli operatori presenti su nowboat.com possono mettersi in contatto direttamente con i viaggiatori, senza intermediazioni, facilitando le conversioni senza introdurre costi aggiuntivi.

“Abbiamo costruito Nowboat.com per sostenere e facilitare il mercato già esistente, includendo operatori, viaggiatori e ONG nell’equazione – continua Giovanni Alessi Anghini – una vera necessità in questo particolare settore”.

I BENEFICI DI NOWBOAT PER LE ONG

La filosofia di Nowboat si basa sulla forte convinzione che non ereditiamo il pianeta dai nostri antenati, ma lo prendiamo in prestito dai nostri figli. Per questo motivo, è di fondamentale importanza proteggere il pianeta, oltre a viverlo con rispetto.

Ogni prenotazione sul sito consente al cliente di scegliere a quale ONG, sono disponibili ben oltre 60 progetti, devolvere il contributo di Nowboat.com.

Tra le organizzazioni di beneficenza supportate possiamo menzionare Mission Blue, guidata dalla leggendaria oceanografa Sylvia Earle e sostenuta anche da Richard Branson, e Plastic Pollution Coalition, fondata dall’artista e attivista Dianna Cohen, che sta conducendo una campagna per il divieto di plastica monouso. Una campagna che sottoscriviamo, noi che siamo scesi in campo con il progetto Medplastic!

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE

 


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su