developed and seo specialist Franco Danese

Suhaili e Joshua insieme dopo 50 anni: rivive il mito del Golden Globe

I “millennials” navigano in 3D: la vela sta cambiando e noi pensiamo ai parabordi
21 giugno 2018
Il fascino della Croazia magica, su un catamarano ultracomodo… risparmiando!
22 giugno 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

I due grandi protagonisti della mitica Golden Globe del 1968, la prima regata del mondo in solitario senza scalo, non si incontrarono mai in quella occasione. E neppure le loro barche. Ma adesso… Adesso possiamo vedere finalmente il mitico Suhaili di Robin Knox-Johnston (il vincitore) e il Joshua di Bernard Moitessier (che, pur essendo in testa, si ritirò dalla regata per “fuggire” in Polinesia schifato dal mondo occidentale) ormeggiate fianco a fianco, a 50 anni di distanza. Siamo a Les Sables d’Olonne, dove il prossimo 1 luglio partirà il nuovo Golden Globe celebrativo: un altro giro del mondo, su barche a chiglia lunga costruite prima del 1988, senza strumenti e col sestante. Tra i partecipanti di questa avventura incredibile, anche – speriamo – l’italiano Francesco Cappelletti.

Ma ecco la storia delle due barche mito.

SUHAILI, NATA IN INDIA
La storia di Suhaili è altrettanto affascinante come l’impresa che ha effettuato. Nasce nel 1963 a Bombay in India. Il progetto di questo due alberi di soli 9,88 metri (13,40 con bompresso prodiero e struttura poppiera) largo soli 3,37 metri è di William Atkins. L’incredibile è che il disegno di Suhaili risale al 1923 e si ispira ai battelli norvegesi di salvataggio progettati da Colin Archer. Viene costruito con il prezioso ma pesantissimo teak di Burma, la chiglia lunga del peso di due tonnellate e un quarto, profonda 1,67 m, è in ferro. SCOPRI LA STORIA NEL DETTAGLIO

LA BARCA CON CUI MOITESSIER SALVO’ LA PROPRIA ANIMA
Joshua, così chiamata in onore di Slocum, è la barca con cui Bernard Moitessier si ritirò in Polinesia “per salvare la sua anima” al Giro del Mondo del 1968 (Golden Globe), mentre era in testa (Robin Knox-Johnston non è d’accordo: secondo lui Moitessier erà già dietro quando decise di ritirarsi): l’albero del ketch di 40 piedi in acciaio era un palo telegrafico. Basterebbe solo questo per renderla mitica. SCOPRI LA STORIA NEL DETTAGLIO

SCOPRI TUTTE LE FOTO MITICHE DI VELA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi