developed and seo specialist Franco Danese

Medplastic: news dalla comunità che vuole salvare il Mediterraneo con le proprie mani

Italiani Altura: ad Ischia c’è aria di battaglia, anche i lettoni e i cechi sono arrivati per sfidare le italiane
19 giugno 2018
Faccio volare anche un 6,5 metri e vi spiego perché la prossima Coppa America sarà uno show per i giovani. Parola di Philippe Briand
20 giugno 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


Mentre Medplastic Team, la comunità di “velisti e marinai attivisti” per la salvaguardia del Mediterraneo, cresce a vista d’occhio, continuano ad arrivarci vostre foto, testimonianze, denunce e segnalazioni. Vediamo come alcuni di voi hanno deciso di fare la loro parte per salvare il Mare Nostrum (e quelle che noi consideriamo buone notizie). Inutile dirvi di… continuare così!

DIVENTA TESTIMONIAL!
Ma prima: vi ricordiamo che potete diventare testimonial di Medplastic! Come? Basta che scriviate una mail a savethemed@gmail.com, comunicandoci il vostro indirizzo e il nome della vostra barca, richiedendo l’adesivo di Medplastic. Ve lo spediremo gratuitamente e se lo applicherete sulla vostra barca, e ci mandate una foto, saremo lieti di pubblicarla!

——————————————————

LE VOSTRE TESTIMONIANZE

 

POVERE BECCACCE!
Povere beccacce di mare! “Uno dei miei scatti di birdwatching”, commenta sconsolato Alberto Cherchi. E aggiunge: “Ne ho diversi, sto preparando un album sperando di sensibilizzare”. Bravo Alberto!

IL BASTARDO
Scrive Goodfishes Recyclingart: “Questo bastardo voleva rimanere in mare a tutti i costi, rimanendo attaccato alla nostra elica..ma non ha fatto i conti con un marinaio e mezzo e così è finito al riciclo”. A proposito, andate a vedere i suoi lavori: splendide sculture realizzate con ciò che trova in mare. QUI potete dare un’occhiata. Presto vi parleremo di lui.

CROCIATA ANTIPLASTICA
Mike Scalera continua la sua “crociata” di pulizia nelle acque di Cipro. Bravissimo, dovremmo tutti prendere esempio!

EKOALA, L’IDEA DI BEATRICE E DANIELE
Ci scrive Beatrice: “Ciao a tutti, scopro con piacere la vostra iniziativa MedPlastic. Grazie al mio compagno Alejandro appassionato di vela, amo girovagare per i mari a bordo della nostra Daien con i nostri due bimbi Linda e Martin. Insieme a mio fratello Daniele ho da qualche anno iniziato una piccola-grande impresa per trovare un’alternativa alle plastiche tradizionali.

Diventati entrambi genitori, nel 2014 abbiamo fondato eKoala, la prima realtà italiana attiva nella produzione di articoli per la prima infanzia realizzati interamente in BIOplastica e interamente biodegradabili. Lascio che sia il nostro sito www.ekoala.eu a darvi tutte le informazioni su di noi, la nostra mission e i nostri prodotti. Per il prossimo anno abbiamo in programma di allargare la gamma di prodotti con set e giochi per la spiaggia…speriamo possa essere un primo passo avanti per liberare le nostre spiagge dai mille giocattoli in plastica abbandonati ogni estate dai nostri bambini. Vi allego alcuni scatti fatti qualche anno fa tra le Egadi!

VELAPULIAMO, PERCHE’ NO?
Ci ha scritto Giovanni Boetti: “Buongiorno, sono il presidente dell’associazione Velapuliamo. Come dice il nome, noi puliamo in barca a vela. Lavoriamo in Sardegna, spesso in Costa Smeralda e nell’arcipelago della Maddalena. Ho tanto da mostrare e non tutti sono pronti a pubblicare le notizie che ho da dare come ad esempio il fatto che noi raccogliamo tonnellate di rifiuti che però non vengono conferiti perché certi comuni si rifiutano di aiutarci a lavorare. Portiamo i volontari gratis in barca a vela e in cambio chiediamo loro di partecipare alle azioni di bonifica. Per conoscere il nostro curriculum visitate il sito e la pagina fb ”.

ARCIPELAGO TOSCANO, ALLARME MICROPLASTICHE
“Soprattutto nei dintorni della Capraia e dell’isola d’Elba”, scrive Stefano Antonini in un articolo che ha condiviso con noi, “sono riscontrabili gli agglomerati piu’ consistenti di microplastiche (fino a 5mm) in superficie e componenti piu’ grandi depositati sul fondo. Tutti questi elementi poi finiscono per ingestione volontaria o meno negli apparati digerenti degli abitanti del mare. Tanto per dare un’idea: una balenottera ogni volta che filtra l’acqua per nutrirsi utilizza una cosa come 70.000 lt. di acqua e lo fa molte volte al giorno. Immaginiamo quanta plastica ingurgita? Moltiplicato per x mammiferi marini? Questo e’ uno dei motivi per es. degli spiaggiamenti e decessi…”.

——————————————————

MEDPLASTIC GOOD NEWS

Ora veniamo a quelle che secondo noi sono buone notizie da dare e gli eventi da segnalare.

A MILANO, UNA CORSA PER SALVARE GLI OCEANI
Dopo Los Angeles, New York, Londra e Shanghai il movimento globale Adidas x Parley contro l’inquinamento degli oceani arriva a Milano. Chi di voi ci sarà? Ecco come iscriversi!

MARCO ROSSATO UNO DI NOI
Prosegue verso Messina il viaggio di Marco Rossato, il primo velista disabile che sta circumnavigando l’Italia da Nord a Sud in barca a vela in solitaria (con la sola compagnia del suo cagnolino Muttley). Tra gli scopi principali del progetto TRI Sail4all di cui Marco è il protagonista c’è anche quello di sensibilizzare, soprattutto gli alunni delle scuole, sul tema del danno che la plastica sta recando ai nostri mari!

IL SENSO DI ROBBIO PER LA PLASTICA
I cittadini lomellini verranno “pagati” per riciclare correttamente. Oltre al valore della plastica grazie al green marketing il cittadino ottiene un sovrapprezzo sul conferimento. Un esempio? 20 bottiglie o lattine danno un euro spendibile per fare la spesa nei super convenzionati e molte altre promozioni presso tantissimi commercianti. Siamo in Svizzera? Siamo in Germania? No siamo a Robbio Lomellina tra risaie pioppi e chiese romaniche.
In 4 anni grazie alla differenziata la tassa rifiuti si è ridotta per tutti.

UNA PETIZIONE DA FIRMARE
C’è una bella petizione che vi consigliamo di firmare! Per salvare il Mediterraneo dalla plastica e salvare gli habitat e le specie che lo popolano, l’Italia deve confermare il suo impegno e fare la sua parte: ecco cosa si chiede al Governo: http://www.wwf.it/petizione_plastica.cfm?utm_source=web&utm_medium=social&utm_campaign=GenerazioneMare

——————————————————

Time to Take Action (è tempo di agire) è lo slogan di Medplastic, il nuovo progetto del Giornale della Vela per la salvaguardia del Mediterraneo. Iscrivetevi al gruppo Facebook MedPlastic Team, partecipate al contest Instagram NO Plastic e scoprite di più su medplastic.org

LO SPIRITO DI MEDPLASTIC
Grazie anche a tutti gli utenti attivi del Gruppo Medplastic, che condividono ogni giorno spunti, notizie utili, decaloghi, idee, prodotti alternativi a impatto zero. Questo deve essere lo spirito di Medplastic. La salute del Mediterraneo (e la nostra) dipende da noi stessi. Stiamo lavorando sodo, per fare da cassa di risonanza e veicolare sui nostri canali un enorme problema. Un problema a cui possiamo, e dobbiamo, trovare soluzione in tempi rapidi. Chi avesse progetti già avviati/strutturati da proporci, può mandare una mail a savethemed@gmail.com

SCOPRI TUTTE LE NEWS A TEMA MEDPLASTIC

COME PARTECIPARE AL CONTEST INSTAGRAM “NO PLASTIC”

1. A partire dall’1 giugno, scatta una foto (o registra un video) ogni volta che vedi, raccogli o previeni un rifiuto in mare (attenendoti al tema: Time to take Action)

 

2. Metti like a Giornale della Vela su Instagram e Facebook e inviala all’inbox di @giornaledellavela su Instagram (o postalo sul gruppo Facebook MedPlastic Team): ricordati di inserire dove e quando è stata scattata e di inserire l’hashtag #MedPlastic

 

3. Il GdV la ripubblicherà e la foto che nell’arco dell’anno prenderà più voti sarà la vincitrice (con premiazione al VELAFestival 2019)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi