developed and seo specialist Franco Danese

Giraglia On Board: tra riomare, cippa e un bicchiere di rum

Rossi c’è! La famiglia “Terrible” dei J70 è ancora sul tetto d’Europa
19 giugno 2018
ormeggio
Non abbiate più paura di combinare guai in banchina (anche se uscite in barca da soli)
19 giugno 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Giraglia; vista e provata, o vista e navigata, parafrasando la regina delle ricette televisive, che alla nona Insalatissima Riomare, che si, cito con gioia e senza nessuna marchetta indotta, ci ha salvato i pranzi, le cene e al terzo giorno di cippa, anche la colazione. Qui si parla della regata mediterranea per eccellenza, la Rolex Giraglia 2018, che avete capito, che per quanti vi abbiano partecipato si unisce immancabilmente al menu di bordo, su Cheyenne poi, Rodman 42 spartano a dir poco, non si cucina, non ci si distrae, si va avanti muti solo cibo pronto all’uso per la ciurma.. ma ora i fatti.

Dopo un più che soddisfacente quarto posto nel gruppo A nelle regate inshore a St Tropez, è giunto il momento della “lunga”, la temibile regata di duecento e passa miglia, che nelle condizioni degli ultimi anni, questo compreso, potrebbe benissimo far proprio l’aggettivo di “fantozziana”, in quanto la cippa che ci ha preso per mano dalla partenza faceva pendant con la celebre nuvoletta del ragioniere e nei momenti più neri veniva a noi in mente la partita di tennis con il prode Filini “cazzi” mah, ragioniere, mi da del tu? no “cazzi lei”.. ahhh allora cazzo, lo spi! Lo spi altro tema scottante, noi siamo tra gli ultimi romantici a utilizzarlo, le barche intorno a noi facevano sfoggio quasi snob dei loro “jenna” e dei loro “code” nonché della loro virilità con i bompressi a mo’ di supercar.

Passato il celebre scoglio corso, perdendo moltissimo tempo tra le bizze di eolo, la svolta, una lunga notte sotto “monster”, uno spi che si porta molto strallato e una bottiglia di rum, come i veri bucanieri, quello che in realtà siamo noi tutti che ci avventuriamo anche per poco per mare. Un segno del destino forse, ma il sole che da est illumina la Liguria e con essa le nostre vele sgonfie e sbattenti porta con se un gradito dono, il vento della mattina che ci accompagna, non senza sforzi, fino alla metà.

Una cavalcata finale a 4-5 nodi con i nostri avversari piantati, completa il miracolo. Un tredicesimo posto e quindi un quinto nella combinata, davanti e dietro noi solo professionisti, non male per la prima volta di Cheyenne alla Rolex Giraglia.

Il resto è festa, musica, vino frizzantino e tanto lavoro per rimettere in “bolla” la barca… in attesa di nuove avventure e, perché no, qualche novità culinaria da parte delle aziende degli scatolati…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi