Un ormeggio sicuro parte da un buon pontile. Parola di Ingemar

L’acqua è movimento, continuo e irregolare. È avventura, scoperta e piacere. Ma anche forza da governare.
L’acqua è da sempre una sfida per l’ingegneria e l’architettura. Per vincere questa sfida, da quasi 40 anni Ingemar produce e pone in opera in tutto il mondo pontili e frangionda galleggianti per usi diversi ed è oggi fra i pochissimi operatori del settore con una propria autonomia di produzione e con al suo interno le attività di “Ricerca & Sviluppo”.

Una storia di innovazione

È passata, si può dire, tanta acqua sotto i pontili dal 1979 epoca nella quale i primi pontili galleggianti per il diporto erano visti come avveniristici e irrisi dai loro detrattori; del resto telefonia mobile, globalizzazione e internet erano ancora soggetti da film ed anche i pontili galleggianti, esclusi quelli del Genio Militare, erano una novità assoluta e per certi versi stravagante. Da allora queste strutture sono molto migliorate, con prestazioni oggi paragonabili a quelle degli insediamenti tradizionali, sono aumentate le capacità tecnologiche e produttive e accresciuta la propensione del mercato al loro utilizzo anche in funzione dei vincoli ambientali sempre più stringenti. Lo spirito ingegneristico e per certi versi “pioneristico” delle origini di Ingemar è però rimasto inalterato fino ai nostri giorni e fa parte della forza di questa azienda. A maggior ragione oggi che la maggior parte dei marina fa largo uso di approdi galleggianti, si tratti di finger, scivoli, pontili, moli, piattaforme o frangionda extra-large, dedicati alle imbarcazioni di ogni dimensione, dalle più piccole ai super yacht.

Per il futuro della nautica

Ingemar è infatti costantemente cresciuta e si è trasformata in un gruppo apprezzato in tutto il mondo per l’originalità e la qualità delle sue produzioni “made in Italy”. E oggi l’ultima frontiera della ricerca ingegneristica del settore è quella legata alla produzione dei frangionda galleggianti di grandi dimensioni, studiati in laboratorio con modelli CadCam 3D, sottoposti a test idrodinamici in vasca e impiegati per difendere i moderni insediamenti portuali dal mare. Ingemar oggi allora realizza sia i tradizionali elementi frangionde monolitici in cemento armato, i più grandi nella produzione di serie internazionale, sia un nuovo tipo di barriere modulari, dotate di originali accorgimenti tecnici e sistemi di ancoraggio che ne facilitano il trasporto e l’assemblaggio sul luogo d’installazione.

www.ingemar.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su