Un ormeggio sicuro parte da un buon pontile. Parola di Ingemar

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

L’acqua è movimento, continuo e irregolare. È avventura, scoperta e piacere. Ma anche forza da governare.
L’acqua è da sempre una sfida per l’ingegneria e l’architettura. Per vincere questa sfida, da quasi 40 anni Ingemar produce e pone in opera in tutto il mondo pontili e frangionda galleggianti per usi diversi ed è oggi fra i pochissimi operatori del settore con una propria autonomia di produzione e con al suo interno le attività di “Ricerca & Sviluppo”.

Una storia di innovazione

È passata, si può dire, tanta acqua sotto i pontili dal 1979 epoca nella quale i primi pontili galleggianti per il diporto erano visti come avveniristici e irrisi dai loro detrattori; del resto telefonia mobile, globalizzazione e internet erano ancora soggetti da film ed anche i pontili galleggianti, esclusi quelli del Genio Militare, erano una novità assoluta e per certi versi stravagante. Da allora queste strutture sono molto migliorate, con prestazioni oggi paragonabili a quelle degli insediamenti tradizionali, sono aumentate le capacità tecnologiche e produttive e accresciuta la propensione del mercato al loro utilizzo anche in funzione dei vincoli ambientali sempre più stringenti. Lo spirito ingegneristico e per certi versi “pioneristico” delle origini di Ingemar è però rimasto inalterato fino ai nostri giorni e fa parte della forza di questa azienda. A maggior ragione oggi che la maggior parte dei marina fa largo uso di approdi galleggianti, si tratti di finger, scivoli, pontili, moli, piattaforme o frangionda extra-large, dedicati alle imbarcazioni di ogni dimensione, dalle più piccole ai super yacht.

Per il futuro della nautica

Ingemar è infatti costantemente cresciuta e si è trasformata in un gruppo apprezzato in tutto il mondo per l’originalità e la qualità delle sue produzioni “made in Italy”. E oggi l’ultima frontiera della ricerca ingegneristica del settore è quella legata alla produzione dei frangionda galleggianti di grandi dimensioni, studiati in laboratorio con modelli CadCam 3D, sottoposti a test idrodinamici in vasca e impiegati per difendere i moderni insediamenti portuali dal mare. Ingemar oggi allora realizza sia i tradizionali elementi frangionde monolitici in cemento armato, i più grandi nella produzione di serie internazionale, sia un nuovo tipo di barriere modulari, dotate di originali accorgimenti tecnici e sistemi di ancoraggio che ne facilitano il trasporto e l’assemblaggio sul luogo d’installazione.

www.ingemar.it

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Il TripAdvisor della vela esiste e si chiama Navily

Creata nel 2014 da Benjamin e Edouard, due creativi ragazzi francesi appassionati di vela, l’app Navily è nata con l’idea di permettere a tutti i diportisti di condividere la loro propria esperienza in barca. Così, in solo pochi anni, Navily

Registrati



Accedi