Il TripAdvisor della vela esiste e si chiama Navily

Creata nel 2014 da Benjamin e Edouard, due creativi ragazzi francesi appassionati di vela, l’app Navily è nata con l’idea di permettere a tutti i diportisti di condividere la loro propria esperienza in barca. Così, in solo pochi anni, Navily è diventata una delle startup più dinamiche della nautica. Dopo aver creato la prima guida costiera social, permettendo a tutti gli appassionati di condividere la loro esperienza in mare, un po’ sul modello di TripAdvisor, hanno poi anche rivoluzionato il modo di trovare un ormeggio, collaborando con vari porti per sviluppare un sistema di prenotazione adeguato alle esigenze del mondo della nautica.

Ad oggi allora su Navily, sono più di 60mila i diportisti che si sono iscritti e che hanno condiviso 10mila recensioni su più di 6mila ancoraggi in tutto il Mediterraneo: foto, commenti, informazione sulla protezione o il tipo di fondale… una vera miniera d’oro per chi cerca il miglior ancoraggio. Ma questa storia è partita proprio dalla passione di due amici d’infanzia, Benjamin e Edouard, due francesi appassionati di vela.

Hanno tutti due imparato a navigare su una splendida barca a vela classica, Espar II, uno sloop Marconi del cantiere Sangermani del 1968 dove si naviga “come ai vecchi tempi”. La passione per la vela classica gli ha portati a fare vari giri del Mediterraneo e nel 2013, hanno capito che anche la nautica aveva bisogno della sua rivoluzione digitale. Allora, nel 2015, partendo da sistemi di prenotazione già esistenti in altri settori, i due francesi hanno aggiornato Navily con un sistema di prenotazione pratico. Grazie al suo profilo, il diportista può inviare una richiesta in meno di 30 secondi. La marina riceve una notifica con il profilo completo dell’utente e decide se accettare o rifiutare. Ad oggi, la rete di Navily conta più di 300 marina in tutta Europa tra Italia, Francia, Spagna e Regno Unito. Grazie a questa app insomma trovare un ormeggio è semplice e immediato anche dal proprio smartphone. www.navily.it


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Millevele

Affonda una barca sotto il temporale durante la Millevele

Lazy, una barca di 8,55 metri, è affondata sotto la pioggia durante la storica veleggiata che si svolge ogni anno nel Mar Ligure, la Millevele. Stamattina, sabato 24 settembre, la pioggia ha travolto la città di Genova e i dintorni. Seguendo

TECNICA Come e dove montare un secondo strallo a bordo

Se con un genoa parzialmente avvolto, con pochi metri quadri di tela esposti, si può sostenere un’andatura portante con 50 nodi di vento, con la stessa vela ridotta non è ipotizzabile bolinare, sia pur con angoli larghi. Occorre dunque armare

Torna su