Vendée Globe, Pedote ci sarà! Finalmente un italiano al giro del mondo in solitario!


Cosa stava guardando Giancarlo Pedote, in questa foto del 2012 di Christophe Breschi? L’Oceano. Quello per cui ha sempre avvertito un’attrazione viscerale. Quello su cui ha saputo “suonarle” ai francesi, prima sui Mini 6.50, poi sui Multi 50. L’Oceano, con la “O” maiuscola, quello dove si sfidano i più grandi marinai del mondo, nella regata che è considerata l’Everest della vela, il Vendée Globe. Non l’ha mai nascosto, Giancarlo: “Voglio fare il giro del mondo in solitario senza scalo”.

Ma non con una barca qualsiasi, non “così per il gusto di realizzare un’impresa”. Pedote è un toscanaccio testardo, quando si mette in testa una cosa, vuole farla bene. E per fare le cose bene, ci vuole tempo. Anni e anni, fino al giugno del 2018. Quando lo skipper ha annunciato il lancio del suo progetto Vendée Globe 2019-20, grazie all’aiuto di Prysmian Group (che finanzierà il “coaching” e l’approccio di Giancarlo al mondo IMOCA) e di importanti investitori che per adesso preferiscono restare anonimi. Parteciperà a bordo dell’ex St. Michel-Virbac, l’IMOCA 60 foil con cui Jean-Pierre Dick è arrivato quarto nell’ultima Vendée Globe. Racconta: “Sono fuori a mangiare una pizza con amici. Squilla il telefono: una conversazione che dura circa quattro minuti, quei quattro minuti che ti cambiano la vita. Sono euforico, ho un nodo allo stomaco, sono frastornato, sono felice: finalmente si delinea una strada sulla quale poter correre.

Non c’è cosa peggiore per un competitivo come me di avere le gambe e non la strada: una frustrazione continua che scava ed ogni giorno ti prende qualcosa. Ma adesso basta. Da oggi le cose cambiano. Non posso dire niente ai miei commensali, uno mi guarda con sospetto: “Ma hai un’amante, che mi sembri tutto ringalluzzito?” . “No” rispondo io. “Ho una grande notizia”. Cerco di ricompormi sforzandomi di mettere ancora la forchetta in bocca completamente sconnesso da qualsiasi appetito. Avrei solo voglia di correre, correre fino allo sfinimento, sdraiarmi sull’erba e sorridere alle stelle”.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su