Addio a Vincenzo Zaccagnino, uno dei padri fondatori della nautica


Se n’è andato Vincenzo Zaccagnino, uno dei “padri fondatori” della nautica italiana. Per noi del Giornale della Vela, Top Yacht Design e Barche a Motore è la perdita di un maestro di giornalismo, da cui tutti noi che lavoriamo in questo settore abbiamo attinto, ispirandoci alle sue idee, intuizioni, scritti.
Si, perché Vincenzo è morto a 84 anni dopo aver passato tutta la sua vita a raccontare il mare. E ha inventato e scritto di tutto. Da giornali famosi come Nautica, che ha diretto dalla sua fondazione per 24 anni, a gare motonautiche, regate, manifestazioni, libri, saloni nautici.

L’imprinting glielo aveva dato la sua famiglia, originaria di Lussino, oggi Croazia. Una famiglia di armatori, e grandi pescatori. Era stato dovunque in tutto il mondo e aveva conosciuto e intervistato tutti coloro che voleva la pena di conoscere, basta che avessero un legame con il mare e la nautica, famosi e non.

Sapeva tutto, ricordava tutto. Era un’incanto sentirlo raccontare, ad esempio, della prima volta che Gianni Agnelli gli aveva parlato di Coppa America, di quando aveva ideato la prima gara di motonautica sul Tevere o di quando aveva incontrato Donald Trump che voleva fare un affare rivendendo il suo motoryacht.

Vincenzo, Zac per chi lo conosceva bene, era dovunque, nei momenti che contavano. Se volete saperne di più cliccate qui

Nei suoi scritti traspariva passione ed ironia. Un distacco tipico di chi sa cosa dice e non ha paura di affermarlo. La sua capacità e la sua passione l’ha trasmessa al figlio Matteo, direttore di Top Yacht Design, a cui tutti noi della Panama Editore siamo vicino in questo triste momento. (L.O.)

BUON VENTO ZAC!

Da tutti noi di Panama Editore


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Quanto

Peggy, il Pogo 30 della vittima

Muore impiccato all’albero. Ecco cosa è successo

Tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, diverse unità di soccorso spagnole sono state impegnate a largo di Gran Canaria per soccorrere un membro dell’equipaggio di Poppy, un Pogo 30, rimasto impigliato nel sartiame e appeso all’albero. Nulla da fare

Torna su