Norbert Sedlacek, ancora tu! Con una barca in fibra di lava per un “pazzo” giro del mondo

Vi ricordate di Norbert Sedlacek? Nel 2014 ha attraversato da solo l’Atlantico dalle coste spagnole a Palm Beach in Florida con una barca di soli 4,90 metri, costruita con fibre di lava (LEGGI QUI). E proprio dalla fibra di lava sta ripartendo per un’altra impresa, un giro del mondo decisamente estremo.

Questa volta la barca è decisamente più grande, un Open 60 sviluppato sulle regole della Classe IMOCA ma senza foil, e la sfida alquanto complessa. Per la sua impresa ha costruito la barca nel cantiere del quale lui stesso è direttore, Innovation Yachts: una barca completamente eco, con fibra di roccia vulcanica, sandwich di balsa e resina riciclabile. La Partenza da Les sables d’Olonne, direzione Artico, per raggiungere il Pacifico attraversando il Mare di Bering con il passaggio a nord ovest.

Norbert Sedlacek

Da li rotta verso sud con destinazione Capo Horn per tornare in Atlantico, poi prua verso est per Buona Speranza, Leeuwin e di nuovo Capo Horn per il rientro in Atlantico e rotta verso il punto di partenza.

In pratica il giro del mondo con un diversivo “polare”; per un totale di oltre 35 mila miglia, circa 10 mila in più di un giro del mondo tradizionale.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su