Generatore addio? Arriva la riserva di energia in “scatola” (al litio)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

lps

E se per ricaricare le batterie di bordo, invece che accendere il motore o utilizzare il tradizionale generatore, vi affidaste a una compatta “scatola magica” al litio, che vi funga da riserva di energia? Questa è la grande applicazione che LPS, un prodotto di Clayton di derivazione industriale, potrebbe avere secondo noi in barca, se utilizzato come sistema “sganciato” dalla rete elettrica di bordo.

COME SISTEMA ELETTRICO DI BORDO
Senza contare che, di fatto, costituisce già di per sé un impianto elettrico, visto che  l’LPS (acronimo di Lithium Power Supply) è una “superbatteria” multifunzione che ne integra tutti i componenti. Pesa 28 chili, è compatto (le dimensioni sono di 390x244x250 mm), si tratta di un dispositivo “plug & play” e al suo interno dispone di una batteria da 90 Ampere (il “cuore” del sistema: garantiti 2.000 cicli di carica / scarica con una scarica fino all’80%), un inverter sinusoidale (1,5 kW), un caricabatterie “intelligente”, un amplificatore di carica (booster) da 45 A, un sistema di gestione della carica, un interruttore principale. La distribuzione avviene a 12 V e a 230 V, secondo i produttori ha una capacità pari a quella offerta da due batterie gel da 100 Ah.

Nello schema abbiamo ricostruito (in modo molto schematico) il sistema: nel quadrato giallo tutti i componenti integrati in LPS. A sinistra le fonti di alimentazione, a destra le uscite.

Grazie alla tecnologia al fosfato di litio-ferro, è un sistema sicuro e a prova di fuoco (a differenza delle batterie litio-cobalto). Il prezzo, di circa 2.600 euro, è lo stesso che spendereste acquistando separatamente tutti i componenti che integra.

La grande comodità del sistema LPS è sicuramente la sua semplicità di utilizzo e la facilità di installazione, che elimina la necessità di costosi cablaggi. Vi basterà collegare la scatola all’entrobordo e alla batteria di avviamento (non è necessario intervenire sull’alternatore). A terra, collegandolo in banchina, in un’ora sarà ricaricato. Una buona soluzione se state pensando a un refit totale del vostro impianto elettrico in ottica di razionalizzazione.

https://www.leab.eu/en/products/lps-lithium-power-supply.html

http://www.lps.energy/lithium-power-supply/vans/

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI TECNICA & ACCESSORI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi