Velisti dispersi, ancora nessuna notizia. E il tempo scorre…

Ancora nessuna novità sui due velisti dispersi nell’oceano Atlantico, Antonio Voinea e Aldo Revello, che dal 2 maggio sono scomparsi tra le Azzorre e lo Stretto di Gibilterra.

Nel frattempo la fregata multi-missione Alpino, nave della Marina Militare italiana, ha abbandonato la zona, ritornando sulla sua rotta, dopo aver trascorso 48 ore nell’area di ricerca perlustrando oltre 5000 miglia nautiche quadrate con il supporto di un elicottero militare e dei sistemi radar di cui è equipaggiata. Alla ricerca ha dato il suo contributo anche il Consorzio toscano Lamma in collaborazione con il CNR di Venezia, che ieri hanno elaborato un modello sull’ipotetica posizione che la zattera potrebbe aver raggiunto.

“La difficoltà – ci ha spiegato Stefano Taddei di Lamma – sta nel fatto che i dati a disposizione sono pochi ed i modelli individuano solo una posizione ipotetica. Per le ricerche nell’oceano bisogna fare riferimento a modelli globali, che hanno una risoluzione piuttosto bassa e più passa il tempo, più l’area diventa grande. In queste condizioni la posizione potrebbe essere anche molto diversa da quella che siamo riusciti ad individuare con i nostri strumenti, ma è comunque una base rispetto alla ricerca alla cieca nell’Oceano.”

La speranza di ritrovare Aldo e Antonio è ora nelle mani di una nave portoghese, che continua incessantemente a navigare nella zona alla ricerca della zattera con i velisti.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Velisti dispersi, ancora nessuna notizia. E il tempo scorre…”

  1. Francesco Tamburrano

    Ho lasciato ieri un commento, ora scomparso. Potete per favore rimandarmi il commento stesso , di cui non ho copia?
    La redazione dei miei commenti mi era costato riflessione, professionalità, e tempo.
    Non chiedo di ripubblicarlo, (a volte la Verità fa male a qualcuno) ma chiedo solo di rimandarmi lo scritto – all’indirizzo della mia e-mail.
    Francesco Tamburrano, ingegnere e importatore di barche.

    1. Buongiorno Francesco, nessuno è intervenuto sul suo commento. Non ci risulta nessun commento da parte sua. È sicuro di averlo postato correttamente sul nostro sito?
      Cordiali saluti, buon vento

      La Redazione del GdV

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su