developed and seo specialist Franco Danese

Volvo Ocean Race: gli “spagnoli volanti” spuntano dalla nebbia e battono l’olandese

PROVATA. Il test dell’Ice 60 in anteprima mondiale dal VELAFestival. FOTO e VIDEO
9 maggio 2018
FOTOGALLERY Entomologo? Ornitologo? No, velista
9 maggio 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Brunel, in primo piano, mentre viene superato da Mapfre nella nebbia di Newport

Brunel, in primo piano, mentre viene superato da Mapfre nella nebbia di Newport

Ieri mattina nella acque di Newport, Stati Uniti d’America, sono apparse all’improvviso delle vele rosse, avvolte da un fitto strato di nebbia, che hanno lasciato a bocca aperta tutti i presenti. Non si trattava dell’Olandese Volante, ma del Volvo Ocean di team Mapfre, protagonista di una rimonta incredibile culminata proprio con il sorpasso di una barca e di uno skipper olandesi – Brunel e Bouwe Bekking – nell’ottava tappa della Volvo Ocean Race che ha portato le sette barche in gara da Itajaí, in Brasile, a Newport.

Gli “spagnoli volanti” vincono l’ottava tappa della Volvo Ocean Race

Solo un giorno prima di arrivare, gli spagnoli di Mapfre erano arrivati ad avere anche 50 miglia di svantaggio sulla prima posizione, occupata per quasi tutto il tempo da team Brunel e quando gli olandesi (Brunel) si trovavano 1,5 miglia dall’arrivo, Mapfre era ancora dietro di mezzo miglio. Il rush finale è stato una prova di resistenza psicologica, con le barche bloccate dalla bonaccia e immerse nella nebbia. Poi, ad una manciata di metri dall’arrivo, l’equipaggio olandese si è visto spuntare a prua gli “spagnoli volanti” di Mapfre, bravi a sfruttare una raffica di vento che li ha raggiunti. Dopo 16 giorni di navigazione il risultato è stato che Brunel, che ha passato anche una settimana ininterrotta al comando, ha concluso dietro Mapfre di 61 secondi.

Un po’ di rammarico da parte del team olandese, che, nonostante la mancata vittoria, ha dimostrato ancora una volta di avere la velocità e l’esperienza per navigare con i primi. A completare il podio ci sono i ragazzi di Vestas 11th Hour che riescono a concludere la manche, dopo quattro tappe a zero punti, prima per l’incidente con il peschereccio (CLICCA QUI) e poi per aver disalberato (CLICCA QUI). In quarta posizione è arrivato team Dongfeng, che nella classifica generale si trova ora a 50 punti, tre in meno di Mapfre che occupa la prima posizione. Gli ultimi tre equipaggi arrivati sono nell’ordine: Azkonobel, Turn the Tide On Plastic e Scallywag.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi