developed and seo specialist Franco Danese

PROVATA. Il test dell’Ice 60 in anteprima mondiale dal VELAFestival. FOTO e VIDEO

Poco più di 12 ore per trovare Aldo e Antonio, i due velisti dispersi in Atlantico. E poi?
8 maggio 2018
Brunel, in primo piano, mentre viene superato da Mapfre nella nebbia di Newport
Volvo Ocean Race: gli “spagnoli volanti” spuntano dalla nebbia e battono l’olandese
9 maggio 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Foto Andrea Rizzato /Ice Yachts

Era la barca in anteprima mondiale al VELAFestival 2018 e non potevamo farci sfuggire l’occasione di provarla in esclusiva. L’Ice 60 è arrivato a Santa Margherita Ligure appena varato e abbiamo avuto la possibilità di partecipare alla prima uscita a vela in assoluto della barca. Con noi infatti a bordo, oltre al titolare del cantiere Ice Yachts Marco Malgara, anche i tecnici della veleria Diamonds Sails  per testare le vele alla prima uscita.

Il Golfo del Tigullio ci ha regalato una giornata bizzarra, abbiamo mollato gli ormeggi in una condizione che sembrava di quasi bonaccia ma appena usciti dal porto ci siamo trovati subito contro un nordest montante che da 10-15 nodi è salito fino a oltre 25 rendendo questa prima uscita dell’Ice 60 alquanto muscolare, un test più che attendibile sull’affidabilità della barca.

Abbiamo navigato con randa piena e a prua un fiocco “all round” a bassa sovrapposizione pensato per la crociera. Con aria intorno ai 15 nodi l’Ice 60 ha espresso tutta la sua potenza, riuscendo a bolinare costantemente oltre i 9 nodi e superando i 10 non appena si apriva leggermente l’angolo. In queste condizioni la barca si è dimostrata estremamente stabile ed equilibrata, certificando il buon lavoro fatto dallo studio Felci.

Quando il vento è salito oltre i 20, e poi anche fino a 25 nodi con raffiche superiori, la conduzione è gioco forza diventata più impegnativa e sulle manovre si sentiva tutto il carico di un 60 piedi sportivo. Il timone anche a forti angoli di sbandamento restava però efficiente e consentiva di stare “in sella” all’Ice 60 anche nei momenti in cui la barca risultava sovra invelata. Bastava poggiare di qualche grado verso la bolina larga per vedere salire la velocità oltre i 12 nodi con la scia che accennava a staccarsi da poppa.

Esteticamente la barca segue il “family feeling” di casa Ice. La tuga ricorda quella dell’Ice 62, la larghezza pronunciata a poppa e i volumi rotondi invece riprendono quelli già visti, e apprezzati, sull’Ice 52. Non poteva poi mancare una delle firme che hanno contraddistinto la recente produzione Ice Yachts, la prua a “scimitarra” con flesso leggermente negativo, un marchio di fabbrica inconfondibile.

Per quanto riguarda le manovre il cantiere ha ripropostO elementi che erano già stati ampiamente testati con la precedente produzione. Apprezzabile su un 60 piedi sportivo la possibilità di avere molte regolazioni della barca direttamente sulla consolle del timoniere, dalla quale è possibile gestire elettricamente alcune delle manovre principali della barca come l’avvolgimento e l’apertura della vela di prua e il carrello randa (che corre incassato con una lunghezza pari alla larghezza del pozzetto, da vera barca sportiva).

LUNGHEZZA FT m.17,99
LUNGHEZZA AL GAL m.16,80
BAGLIO MAX m.5,20
PESCAGGIO m. 2,85
DISLOCAMENTO  kg.17.900
ZAVORRA kg.6.200
MOTORE 150CV
SERBATOI ACQUA 900LT
CARBURANTE 600LT
SUPERFICIE VELICA 220mq

www.iceyachts.it

Mauro Giuffrè

LA PROVA COMPLETA DELL’ICE 60 E TUTTI I NUMERI E I DETTAGLI DELLA BARCA SUI PROSSIMI NUMERI DEL GIORNALE DELLA VELA EDIZIONE CARTACEA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi