developed and seo specialist Franco Danese

Bavaria, falsi allarmi. La produzione prosegue a pieno regime

Aspettando la VELA Cup, continua la primavera di regate in tutta Italia
24 aprile 2018
Passauomo, oblò, tende oscuranti per la vostra barca: scoprite tutte le novità al VELAFestival!
24 aprile 2018

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Allarme rientrato per il cantiere tedesco Bavaria, la produzione continua a pieno regime, il portafoglio ordini è pieno. Il problema oggi, paradossalmente, è proprio quello. Come afferma un comunicato del produttore, è “smaltire un elevato numero di imbarcazioni ancora da consegnare”. Nel 2017 Bavaria ha venduto circa 1.000 barche, tra monoscafi a vela e a motore e catamarani.

Nei giorni scorsi notizie allarmistiche erano circolate su siti italiani, destituite di fondamento, che parlavano di istanza di fallimento della società. Nulla di più falso. Il cantiere si è rivolto al tribunale per richiedere quello che in Italia si chiama “concordato in continuità”, che permette di gestire la massa debitoria, sorvegliati da un rappresentante del tribunale.  

Bavaria non attraversa una crisi produttiva e di prodotto, ma difficoltà societarie causate dall’elevato debito accumulato negli anni e dell’insoddisfazione dei risultati economici degli azionisti di maggioranza, i fondi d’investimento Oaktree Capital e Anchorage Capital, che acquistarono nel 2009 la società da un altro fondo, Bain Capital.

TUTTO QUELLO CHE DEVI SAPERE SUL VELAFESTIVAL 2018

[table id=9 /]

SCOPRI TUTTE LE NEWS DEL TAG HEUER VELAFESTIVAL 2018

1 Comment

  1. ClaKy ha detto:

    La notizia é partita da IBI Plus News, sito internazionale di News sulla Nautica sicuramente affidabile; ripreso dagli Italiani come dai tedeschi e da voi! Se gli azionisti ritirano le garanzie sul debito e licenziano il CEO, c’é più che un smplice problema di produzione. Se svendi 1000 barche che nemmeno riesci a consegnare sei comunque sulla strada del fallimento, chiamandolo come si vuole. Questa vostra pronta smentita é sospetta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi