Velista dell’Anno, stop ai voti! Sono rimasti in 25, ora il gioco si fa durissimo!

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>


Stop ai voti! Con 7.000 voti, si è chiusa alle ore 12 di oggi 14 marzo anche la seconda fase del Velista dell’Anno TAG Heuer, il premio più prestigioso della vela italiana, assegnato fin dal 1991. Erano 51, ne avete scelti 25.

ECCO I 25 CHE HANNO PASSATO IL TURNO, CON PERCENTUALI E VOTI

ORA IL GIOCO SI FA DURO
Adesso il gioco si fa veramente duro: dal 31 marzo ripartono le votazioni, ma in questo caso le preferenze del pubblico non avranno carattere vincolante. Cosa significa? Che dovrete aiutare con i vostri voti la giuria del Giornale della Vela (quest’anno composta dalla redazione e dai principali collaboratori: Luca Oriani, Tommaso Oriani, Eugenio Ruocco, Mauro Giuffré, Alberto Cossu, Giacomo Giulietti, Emanuel Richelmy, Matteo Zaccagnino) nella scelta dei vincitori, i quali saranno svelati nel corso della Serata dei Campioni, Venerdì 4 maggio a partire dalle 19 al TAG Heuer VELAFestival di Santa Margherita Ligure (3-6 maggio).

IL “SENSO” DEI PREMI
I premi in palio sono come sempre cinque, oltre al “Velista dell’Anno TAG Heuer”, riservato al velista che ha saputo emozionarci di più nella stagione passata, assegneremo il “TAG Heuer Performance” a colui che ha ottenuto risultati grazie a un certosino lavoro di ricerca sulle prestazioni; il “TAG Heuer Innovation” a colui che ha dato un particolare contributo nel mondo della progettazione e dell’innovazione; il “TAG Heuer Young” a un giovane talento della vela agonistica e il “TAG Heuer #Don’tCrackUnderPressure” a chi dimostra di non mollare mai anche sotto pressione. Ognuno dei vincitori sarà premiato con un cronografo impermeabile ad alta precisione TAG Heuer.

Oltre a questi premi, ci saranno due ulteriori riconoscimenti speciali: il Gran Premio TAG Heuer VELAFestival, una sorta di premio alla carriera, che quest’anno sarà assegnato ai ragazzi del Moro di Venezia, che fecero sognare l’Italia alla Coppa America del 1992 (a proposito, non perdetevi il gustoso pre-Velista dell’Anno con tutti loro venerdì a partire dalle 15.30!); e la novità, il premio “Most Voted”, che sarà assegnato al candidato che avrà conseguito il maggior numero di voti nell’arco delle tre fasi di votazione.

Per qualsiasi informazione riguardo al Velista dell’Anno, scriveteci all’indirizzo speciali@panamaeditore.it

CHI ERANO I 50+1 CANDIDATI DELLA SECONDA FASE

COME SONO ANDATE LE VOTAZIONI
————————————————————–

I CENTO CANDIDATI INIZIALI

COME E’ ANDATA LA PRIMA FASE

SCOPRI TUTTE LE NEWS DEL VELISTA DELL’ANNO 2018

[table id=9 /]

SCOPRI TUTTE LE NEWS DEL TAG HEUER VELAFESTIVAL 2018


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su