I Sea Gypsies, in giro per i mari del mondo senza meta, cercano te!

Davanti al mare, la felicità è un’idea semplice, scriveva Jean Claude-Izzo. “Non c’è niente di più vero”, pensavamo al ritorno dall’Ocean Film Festival di Milano, dopo aver visto i sorrisi dei protagonisti del docufilm “Sea Gypsies – The Far Side Of The World”. La storia di una barca a vela degli anni ’70 e una ciurma alquanto sgangherata alla scoperta dell’Oceano del Sud, dalla nuova Zelanda alla Patagonia passando per l’Antartide. Vi raccontiamo il loro stile di vita tramite una serie di splendide foto. Se alla fine vi sarete incuriositi e vorrete fare una “zingarata” anche voi, per dirla alla Amici Miei, non vi resta che provare di persona. I Sea Gypsies (infinityexpedition.org) vi stanno aspettando!

RUDE MARINAIO POLARE
David Bowie (che omonimia!) in una posa da rude marinaio in Antartide: David è uno dei Sea Gypsies (zingari del mare) che a bordo del ketch Infinity (sullo sfondo) vagano dal 2004 senza meta per i mari del mondo.

IN FONDO AL MONDO
Un tramonto in Patagonia fotografato da bordo del ketch Infinity nel 2014. Per raggiungere l’inospitale e bellissima regione sudamericana, i Sea Gypsies hanno percorso 8.000 miglia dalla Nuova Zelanda (con stop in Antartide). Il viaggio è il tema del docufilm “Sea Gypsies – The Far Side of The World”, premiato all’Ocean Film Festival.

VECCHIA SIGNORA
Infinity (qui ritratto in Patagonia) è un ketch in alluminio di 36,5 metri costruito negli anni ’70. Di norma i Sea Gypsies navigano con un equipaggio di 16 persone: la barca è giro per i mari del mondo da 14 anni, dopo essere salpata dalla California.

HIPPIE DEI MARI
Lo stile di vita a bordo di Infinity è molto “hippie”: spazi ristretti, vita comunitaria, nudismo, veganesimo, supporto alle cause ambientaliste (molte le azioni dei Sea Gypsies a supporto di realtà che difendono i mari come Sea Shepherds). Come diventare Sea Gypsies? Con una donazione iniziale per entrare nella comunità: solo così è possibile prenotare il proprio periodo a bordo, che costa 20 euro al giorno a persona.

FRICCHETTONI A CHI?
Qualcuno potrà dire che i Sea Gypsies sono “fricchettoni”, ma sulle loro capacità di marinai non si discute: nella foto qua sopra, Ayack Wanderer, uno dei protagonisti di “Sea Gypsies – The Far Side of the World” è al timone (ghiacciato) nei mari del Sud.

A bordo di Infinity, si dorme come si può.

Un’escursione a Tikopia (Isole Salomone: dopo l’avventura Antartica Infinity ha risalito il Pacifico e nel 2018 tenterà il passaggio a Nordovest).

Un’azione dei Sea Gypsies contro le trivelle in Nuova Zelanda;

In navigazione tra le onde nei mari del Sud.

 

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI CROCIERE E AVVENTURE


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “I Sea Gypsies, in giro per i mari del mondo senza meta, cercano te!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su