Chi è Dorade, la barca del 1930 che ha partecipato all’ultima Sydney Hobart

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Dorade è lo yacht che fece entrare Olin Stephens nell’olimpo dei progettisti di fama mondiale, quando, a soli 21 anni ne disegnò le linee. Dorade vinse la Transatlantica nel 1931 e il Fastnet nel 1931 e nel 1933, due Bermuda Race e la San Francisco Honolulu del 1936. All’epoca il Times lo definì “il più prodigioso piccolo yacht da regata oceanica mai costruito”. Divenne poi un’imbarcazione scuola. Intorno agli anni Duemila, diventata di proprietà dell’industriale Giuseppe Gazzoni Frascara, fu restaurata presso il Cantiere Navale dell’Argentario. Poi è stata rivenduta a un nuovo armatore olandese e trasferita in Costa Azzurra. Nel 2003, a Cannes, ha regatato a bordo anche l’ultranovantenne Olin Stephens. Nel 2013 gli armatori Matt Brooks e Pam Rorke Levy hanno vinto la TransPacific Race (overall), poi la Newport-Bermuda, la Caribbean 600 e la Corsica Classic.

Non male come curriculum per questo yawl in legno, costruito a New York presso il cantiere Minneford Yacht sotto la supervisione del fratello minore di Olin, Rod Stephens, allora appena ventenne. Caratterizzata da una profonda chiglia (2,43 metri) con ballast esterni, presenta un baglio molto stretto (solo 3,12 metri) e un piano velico generoso.

Dopo tante regate disputate e un palmares tra i più prestigiosi al mondo a Dorade mancava ancora la Sydney Hobart, per questo i suoi armatori Matt Brooks e Pam Rorke Levy hanno deciso di portare la barca in Australia per partecipare a questa mitica regata lunga 620 miglia nella quale lo scafo del 1930 ha saputo farsi valere tagliando il traguardo al 77esimo posto in reale, seconda nella quarta divisione IRC e ORCi.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Cino Ricci

Cino Ricci premiato dall’America’s Cup Hall of Fame

Cino Ricci, il mitico skipper di Azzurra e promotore della prima sfida italiana alla Coppa nel 1983, è stato premiato con un riconoscimento dall’ America’s Cup Hall of Fame. Il romagnolo, che quest’anno spegnerà le 90 candeline, ha ricevuto la

Ambrogio Beccaria - Alberto Riva

Dopo il ritiro: Ambrogio Beccaria marinaio come tutti

Fresco di ritiro dalla Quebec-Saint Malo (la regata di 2897 miglia nell’Atlantico del Nord, dal Canada alla Francia) a causa di una falla sulla sul suo Class 40 AllaGrande Pirelli, Ambrogio Beccaria si è lasciato andare a questa intensa riflessione.

Registrati



Accedi