Sydney to Hobart: Mascalzone dolce e amaro, a Comanche la "protesta del secolo"

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Comanche

Un quinto posto alla Rolex Sydney to Hobart è un risultato da festeggiare, ma che lascia l’amaro in bocca a chi lo ottiene se l’equipaggio in questione è del livello di Mascalzone Latino, abituato da sempre a primeggiare su tutti i campi di regata. Onore ai Mascalzoni, che con il Cookson 50 capitanato da Matteo Savelli hanno terminato la loro prima Sydney to Hobart in 1 giorno 21 ore 5 minuti e 32 secondi, undicesimi in tempo reale ad Hobart, centrando il quinto posto in IRC overall (La classifica che assegna la regata),  il secondo in IRC 0 e il terzo in ORC overall.

In lotta per un risultato sul podio fino alle ultime miglia, decisivo è stato il rallentamento nella parte finale, dopo che Mascalzone Latino nello Stretto di Bass aveva navigato alla grande con medie intorno ai 20 nodi. La vittoria overall è stata assegnata al Tp 52  australiano Ichi Ban di Matt Allen, che precede un altro Tp 52, Quest di Paul Clitheroe e Bob Steel, terzo posto per il Ker 46 Patrice di Tony Kirby.

Il Tp52 Ichi Ban, accreditato per la vittoria finale

Ma la Sydney to Hobart 2017 è stata animata anche da quella che può essere definita la “protesta del secolo”, quella del maxi 100 Comanche contro il maxi 100 Wild Oats XI. La vittoria in tempo reale era andata a Wild Oats per una manciata di minuti, ma l’esito della protesta ha ribaltato il risultato della linea d’onore. Cosa era successo?

Come potete vedere in questo video, dal minuto 1.57, Wild Oats XI incrocia mure a sinistra Comanche e vira appena sottovento all’avversario, che è però costretto a modificare la sua rotta per evitare la collisione. Comanche aveva intelligentemente poggiato leggermente per chiudere la distanza laterale e rendere la manovra di Wild Oats più rischiosa, tranello riuscito perfettamente e protesta vinta. L’esito è stata un’ora di penalità per Wild Oats XI e vittoria in tempo reale assegnata a Comanche. 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Sydney to Hobart: Mascalzone dolce e amaro, a Comanche la "protesta del secolo"”

  1. Beh, la protesta ci stava tutta, sono stati un po’ troppo ottimisti sulla rapidità di manovra. Che la virata non fosse completata quando Comanche ha dovuto orzare era più che evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Solaris 39

Solaris 39, uno IOR sempreverde (con costruzione al top)

Nei primi Anni ‘80, sull’onda delle introduzioni sorte con il finire del decennio precedente, iniziano a mutare linee e volumi, nascono imbarcazioni più ‘moderne’, con scafi più filanti e galleggiamenti più vicini al fuoritutto. Sono gli anni dello IOR (International

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

Quanto mi costa il tagliando del motore entrobordo? Conti alla mano, ecco le voci fatturate da una officina autorizzata per la  manutenzione periodica del motore di una barca a vela da crociera di 9-12 metri. Quanto costa il tagliando del

Torna su