In rada, abbi cura del tuo salpancora

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

IMG_02833
Passare la notte (o la giornata) in rada è uno dei pregi della crociera. Ma occhio alle sollecitazioni al salpancora: non sottovalutatele se volete evitare brutte sorprese
. La lunghezza della linea d’ancora (ovvero la quantità di catena calata) è il miglior ammortizzatore agli urti provocati dal tiro della barca sulla stessa. Infatti, il peso della catena distesa sul fondale, oltre a essere fondamentale per la corretta tenuta dell’ormeggio, riduce notevolmente gli sforzi sull’ancora perché crea una certa elasticità sulla linea. Potrebbe essere tuttavia non essere sufficiente per salvaguardare il salpancora dagli sforzi, soprattutto se il vento soffia molto forte o l’onda diventa fastidiosa: è consigliabile perciò adottare sistemi alternativi.

IL MOSCHETTONE
Il più utilizzato dai diportisti consiste nell’interporre un moschettone apribile su una maglia della catena (ovviamente tra il musone di prua e l’acqua) a cui fissare una cima da legare sulla bitta di prua. In questo modo riuscirete a rilassare la catena con il vantaggio di non far fare troppo sforzo al musone, di non far lavorare il verricello del salpancora e soprattutto limitare i rumori dovuti agli strattoni dell’ancora.

GLI AMMORTIZATORI
Si possono utilizzare come validi supporti i classici ammortizzatori d’ormeggio. Si tratta di tubi in gomma su cui avvolgere la cima o legarla alle estremità. Il moschettone apribile è più indicato di un nodo perché in caso di emergenza risulta molto più facile da liberare. Se non disponete dell’ammortizzatore a bordo potete utilizzare un tubo di gomma legato alla cima di sicurezza. Per diminuire il rumore degli strattoni potete usare un’ulteriore cimetta di sicurezza.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “In rada, abbi cura del tuo salpancora”

  1. in questo tipo di articoli sarebbe utile fossero inserite delle fotografie che dettaglino le informazioni. E’ da considerare che spesso questi articoli sono letti da persone che possono non avere grande dimestichezza marinara.

    Gli articoli cosi a volte sono molto generici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Adesso hai l’incentivo se compri un motore elettrico

  Arrivano gli incentivi per l’acquisto di un motore elettrico marino. Dopo anni di vane attese, lungaggini burocratiche e la sensazione di essere praticamente “invisibili” agli occhi del Governo in quella tanto sbandierata corsa alla “transizione ecologica”, finalmente anche per

Registrati



Accedi