developed and seo specialist Franco Danese

I consigli di Franco Pivoli per una crociera facile (e felice) / 1

LE GATTA-CARTOLINE Saluti e baci da… Malu Entu (isola di Mal di Ventre)
22 dicembre 2017
Regalati una barca: tre modelli per un piccolo grande sogno
23 dicembre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

pivoliA grande richiesta tornano i consigli pratici di Franco Pivoli (tra i fondatori del Centro Velico Caprera, è stato olimpionico a Montreal 1976 nei Tornado): alcuni lavoretti da fare in barca per renderla facile e comoda in crociera. Quale momento migliore di questo, con la stagione alle porte e vento e sole che cominciano a richiamarci in acqua? Ci avete chiesto di approfondire la realizzazione pratica di alcune dritte che vi avevano colpito nel numero di qualche mese fa, ed eccovi accontentati! I consigli di Franco Pivoli, che ricordiamo, naviga in lungo e in largo per il Mediterraneo per almeno quattro mesi all’anno a bordo di un Grand Soleil 45 del 1992, sono “lavoretti da smanaccioni”: dove spendendo poco si ottengono risultati ingegnosi. Risultati che facilitano la vita a bordo in equipaggio ridotto e che razionalizzano le manovre e i consumi. In questa prima puntata, parliamo di gennaker…

Il particolare della penna del gennaker: rotella e legature per far lavorare il grillo sui rinforzi della vela e non sulla rotella di plastica.

Il particolare della penna del gennaker: rotella e legature per far lavorare il grillo sui rinforzi della vela e non sulla rotella di plastica.

GENNAKER: CINQUE MOSSE PER RENDERLO SEMPLICE
L’argomento gennaker è stato uno di quelli che ha scatenato maggiori richieste.

1. Il sistema dei due cavi paralleli realizzati dalla Veleria Viganò è semplice, efficiente, poco costoso e soprattutto senza volume residuale: significa che quando la vela è arrotolata la si può piegare con facilità.

2. Altro punto è l’applicazione di un foam (espanso) ricavato da uno di quei salvagenti cilindrici da piscina che si mettono sotto le ascelle. Tagliandolo per il lungo si fanno delle fette che poi si incollano con del “tessuto da numero” sulla parte superiore del gennaker (infieritura), in modo che quando lo si arrotola , visto che si avvolge prima dal basso, questo ingrossamento permette di recuperare più tessuto in alto.

3. Altra finezza è la realizzazione di una sacca in rete di Pvc, costruita su misura per il pulpito, con una serie di legacci. Questa permette di riporre a prua, dopo averla arrotolata, tutta la vela senza doverla staccare dalla drizza. Un grande vantaggio: mettendola nella sacca, questa lo protegge dai raggi UV che distruggerebbero il tessuto nel giro di un mese.

4. Altro suggerimento è quello di spruzzare sulla parte inferiore del gennnaker uno spray al silicone per impedire che il tessuto si incolli su se stesso quando lo si lascia arrotolato.

5. Montare uno strozzascotte verso poppa sul cimino del frullone del gennaker è una mossa che vi aiuta ad evitare che, mentre lo ammainate, la vela si srotoli se per qualche motivo dovete interrompere la manovra. Qui l’impiombatura sul cavo di comando è fatta congiungendo solo la calza, ed eliminando l’anima per il pezzo di sovrapposizione: questo è l’unico sistema che permette di non avere rigonfiamenti nel punto di impiombatura, più complicato da spiegare che da fare!

3 Comments

  1. landscape forms ha detto:

    There is clearly a bundle to realize about this. I consider you made various nice points in features also.

  2. landscape design ha detto:

    I have recently started a website, the info you offer on this web site has helped me greatly. Thank you for all of your time & work.

  3. xxx ha detto:

    You made various good points there. I did a search on the subject matter and found nearly all folks will agree with your blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi