Star in Oceano, finale col botto: Noseda fa naufragio ma tocca terra, è fatta!

Una sfida così non poteva finire in modo banale: partiamo dal risultato, Dario Noseda ha toccato terra dall’altra parte dell’Oceano con la sua Star, dopo 3500 miglia di Oceano (partito dalle Canarie con pit stop a Capo Verde) ha attraversato l’Atlantico con un mezzo a vela sul quale nessuno prima di lui si era spinto a un simile livello di difficoltà. L’ “atterraggio” però è stato quanto mai rocambolesco e pericoloso.

Noseda, stremato, stava affrontando le ultime miglia, diretto in Martinica dove era previsto il suo arrivo. Ma per la stanchezza non si rende forse conto che la sua rotta non è quella ottimale, quando se ne accorge e riesce a contattare terra la situazione è seria. Non sta arrivando in Martinica ma a Santa Lucia, poco più a sud, e gli scogli sono vicini, troppo vicini. Ma Noseda è un osso duro, resosi conto che con poco vento e molta onda la Star ha serie difficoltà a uscire da questa situazione, riesce a contattare terra per inviare le sue coordinate e chiedere immediatamente soccorso marittimo.

Soccorsi che partono immediatamente, ma nel frattempo Dario Noseda e la sua Star vanno letteralmente a scogli, fanno naufragio. Ma Noseda ha mille vite, ed è lui stesso, non appena giunto in qualche modo a terra, ad avvisare del suo “sbarco” dopo avere raggiunto nel frattempo, a piedi, la marina di Rodney Bay. La Star purtroppo, dalle prime notizie che trapelano, è praticamente distrutta. Ma quello che conta in questa storia è che l’impresa è fatta, Dario Noseda è il primo uomo ad attraversare l’Oceano Atlantico con una Star, onore a lui.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “Star in Oceano, finale col botto: Noseda fa naufragio ma tocca terra, è fatta!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

Quanto mi costa il tagliando del motore entrobordo? Conti alla mano, ecco le voci fatturate da una officina autorizzata per la  manutenzione periodica del motore di una barca a vela da crociera di 9-12 metri. Quanto costa il tagliando del

Peggy, il Pogo 30 della vittima

Muore impiccato all’albero. Ecco cosa è successo

Tra domenica 15 e lunedì 16 gennaio, diverse unità di soccorso spagnole sono state impegnate a largo di Gran Canaria per soccorrere un membro dell’equipaggio di Poppy, un Pogo 30, rimasto impigliato nel sartiame e appeso all’albero. Nulla da fare

Cinque emergenze a bordo e come risolverle

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Torna su