developed and seo specialist Franco Danese

Sei sicuro di saper eseguire il nodo giusto a seconda della situazione?

Circuito VELA Cup 2017: un grande successo di 495 barche. E siamo già pronti per il 2018
17 dicembre 2017
Regata, divertimento e amicizia: la ARC di Nico Malingri con la "Mezza sporca dozzina"
18 dicembre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Se andate in mare da anni, siamo certi che a bordo e in banchina utilizzate i classici nodi: gassa d’amante, piano, parlato, savoia, bocca di lupo. Bene, ma si può fare di meglio. I nodi vanno variati a seconda della situazione e del tipo di oggetto al quale andremo a legare la cima. Qual è il nodo giusto quando si tratta di rimorchiare un’altra barca? E per fissare l’ancora alla cima? Per unire due cime, anche di spessore diverso? Per non parlare di quando vi accorgete che la cima che dovete usare si sta rompendo, e dovete eliminare la parte usurata, senza tagliarla.

UN MANUALE VIENE IN VOSTRO AIUTO
A ogni situazione, il suo nodo. Per quello noi ne abbiamo raccolti in un manuale più di quaranta, dividendoli per tipologia d’uso (di arresto, di appesantimento, decorativi, di avvolgimento, di giunzione, a occhio o gasse, scorsoi o a cappio, di accorciamento, di legatura, per la pesca), segnalandovi pregi e difetti di ciascuno di essi. Ogni nodo è mostrato in tutte le sue fasi di esecuzione. Ecco due esempi:nodo

Basta seguire il manuale, e magicamente accrescerete la vostra cultura marinara e saprete far fronte ad ogni situazione a bordo. Il “Nuovo Manuale dei Nodi Illustrati Per La Nautica” vi aspetta nella nostra libreria! Il costo è di 13,90 euro inclusa IVA e spese di spedizione! PUOI ACQUISTARLO QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi