developed and seo specialist Franco Danese

FOTO L'antivegetativa a Zanzibar funziona così

Doppio colpo Bavaria: arrivano il C45 e il C50
15 dicembre 2017
Campioni del mondo: l'Italia dei giovani vince a Sanya la classifica a squadre
16 dicembre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

0133d592-a7d3-4137-961a-f4dad4f7c802
Tutte le barche hanno problemi di alghe in carena: noi li risolviamo con lunghe (e spesso costose) operazioni di stesura dell’antivegetativa, a Zanzibar sono molto, ma molto più sbrigativi.
Queste foto ci sono state mandate da un nostro collaboratore che era sul luogo. “I pescatori del luogo”, ci spiega, “sono soliti bruciare delle foglie di palma sotto lo scafo in secca. Questo tipo di vegetazione brucia velocemente, quindi finisce per scaldare lo scafo della barca (che è in legno) senza bruciarlo. Il calore secca alghe, denti di cane e affini che poi vengono raschiati via con una pala di legno”. Rapido e indolore. Certo si tratta di barchette, ma chissà che qualche azienda, un giorno o l’altro, non prenda spunto dai pescatori di Zanzibar!

IL “CARENAGGIO” ZANZIBARIANO

47a323ca-1311-463d-a5c1-4cb97a8f82c7 f73876f7-15a3-41c7-8420-d477e5e079c3 0133d592-a7d3-4137-961a-f4dad4f7c802

1 Comment

  1. Gustavo ha detto:

    Ragazzi… sto’ articolo è almeno la terza volta che lo mettete su…..!!! Eddai investiamo un po’ più di soldi e scriviamo qualcosa di nuovo. Date un occhiata a PBO (ma non copiate).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi