Il pannello solare c'è… ma non si vede. Dove sta il trucco?

pannello solareChe i pannelli solari stiano diventando ormai una presenza fissa a bordo, perché garantiscono la quasi totale autonomia energetica, non è una novità. Ma in banchina si sente pronunciare spesso questa frase: “Sono utili, ma brutti”. Opinabile, e da adesso ancora di più. Solbian ha lanciato la sua linea di pannelli solari flessibili “eleganti”, per chi crede che anche l’occhio, in barca, voglia la sua parte.

E SE IL TEAK FOSSE… UN PANNELLO SOLARE?

Grazie all’elevata efficienza delle celle SunPower e alle soluzioni tecniche fornite da Ilooxs (azienda torinese), la nuova serie Solbianflex offre la stessa qualità della serie SP con un aspetto completamente nuovo e personalizzabile. Per adesso, i pannelli sono disponibili in due versioni standard: Teak e Canvas, ma in futuro potrebbero arrivare altre soluzioni “mimetiche”.

SONO IMMAGINI IN HD!

Come è possibile tutto questo? Semplice: Ilooxs si basa sull’innovativa tecnologia P-SUN che crea immagini ad alta definizione sulle celle solari, senza ridurre sensibilmente l’efficienza del pannello solare stesso.

QUI MAGGIORI INFORMAZIONI SU ISP

 

TUTTE LE NEWS DI TECNICA E ACCESSORI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

2 commenti su “Il pannello solare c'è… ma non si vede. Dove sta il trucco?”

  1. Visto dal vivo non è assolutamente così la qualità ma è piuttosto scadente, dovrebbero mettere foto vere non fatte al computer.

  2. non capisco perché nascondere un pannello solare, lo trovo molto bello. Questa tecnologia è adatta per quelli che comprano la tovaglia di plastica con la stampa di quella di stoffa a quadretti. mah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Swan 55

VIDEO Swan 55 (16m): il bluewater che sa cambiare pelle

Il Cannes Yachting Festival e il Salone Nautico di Genova sono due appuntamenti da non perdere per i cantieri del settore e tutti gli appassionati. La nostra redazione è andata a bordo delle ultime novità, una di queste è il nuovo Swan 55,

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su