Dio c'è? Parrebbe di si (e ha aiutato Luca Sabiu) VIDEO

sabiuLuca Sabiu ha dovuto abbandonare il suo Mini 6.50 Jolly Roger dopo aver disalberato in Atlantico, al largo di Finisterre, mentre partecipava alla Mini Transat (la traversata atlantica in solitario su barche di sei metri e mezzo senza strumenti – escluso un gps non cartografico – di 4.050 miglia, in due tappe: da La Rochelle a Las Palmas e poi fino a Le Marin, in Martinica). (foto di Benedetta Pitscheider/Pitsfoto)

LO ZAMPINO “DIVINO”

Passano i giorni, e la sua barca nessuno vuole cercarla. Proprio quando aveva perduto ogni speranza, il suo “Jollyno” alla deriva è stato avvistato da un cargo olandese. La cui comandante era amante della vela e ha dirottato la nave per avvicinarsi allo scafo, fare le foto e spedirle via mail alla Capitaneria locale. La barca, tra l’altro, aveva superato indenne 16 giorni di Oceano, con tanto di passaggio del tifone Ophelia! “Il mio amico Luca Mignani, scomparso nel 2016, l’ha protetta da lassù”, dice lo skipper.

Il capo della torre di controllo di Finisterre, impietosito dalla storia di Luca, ha fatto decollare un aereo – con la scusa di ritrovare un container perduto da un cargo – per cercare la barca, che è stata ritrovata proprio il giorno di compleanno di Luca. E proprio nelle acque antistanti Santiago di Compostela, principale luogo di pellegrinaggio europeo. Se c’è un Dio, pare proprio che abbia deciso di aiutare il marinaio milanese. Questo lo ipotizza lo stesso Sabiu.

Ecco il video (proiettato nel corso della serata sull’avventura di Sabiu organizzata da Vivere la Vela ai Canottieri Olona, a Milano) che racconta tutta la sua storia: lo abbiamo diviso in due capitoli. Prendetevi qualche minuto ed emozionatevi. Dalla fase di qualifica della Mini Transat, alla gioia di essere sulla linea di partenza di La Rochelle, dalla disperazione per l’abbandono della barca (con due costole incrinate e tanto di salvataggio in elicottero) al lieto fine. Buona visione, marinai! E occhio a non commuovervi troppo!

LUCA SABIU STORY – La qualifica, la partenza, la gioia

LUCA SABIU STORY – L’incidente in Atlantico, la disperazione, il lieto fine

SCOPRI TUTTE LE ALTRE VIDEONEWS


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “Dio c'è? Parrebbe di si (e ha aiutato Luca Sabiu) VIDEO”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Cape 31

Cape 31, il monotipo superveloce di Mills (9m) arriva in Italia

Sbarca in Italia un monotipo che all’estero, soprattutto in Inghilterra, sta riscuotendo un ottimo successo. Stiamo parlando del Cape 31 (9,55 x 3,05 m), disegnato da Mark Mills. Uno scafo veloce, divertente, marino, trasportabile via terra e di semplice gestione:

Torna su