L’Italia punta sulla vela dopo gli insuccessi del calcio (e fa bene!)

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

italiaL’ Italia non è quel gran casino fatto di disorganizzazione, non programmazione, attaccamenti alla poltrona che, a livello internazionale, ci fa collezionare figure barbine. L’ultima è la clamorosa mancata qualificazione ai Mondiali di calcio della nostra sgangherata Nazionale, specchio di una Federcalcio che è un carrozzone di cariatidi incompetenti.

Azzurra nel 1983 giunse in semifinale della Louis Vuitton Cup e fece sognare gli italiani

L’ Italia, per fortuna, non è solo questa e la vela lo può dimostrare e lo ha già fatto in passato. Coppa America docet. L’impresa di Azzurra, che nel 1983 giunse alle semifinali a Newport fu il frutto di un progetto organizzato nei dettagli. Poi vennero Gardini e Il Moro, che nel 1992 spostarono le discussioni da bar dal calcio alle strambate e ai bompressi. La Coppa la perdemmo in finale ma la credibilità aumentò a livello esponenziale. Italiani in gamba. Altro che pizza e mandolino.

Il Moro di Venezia giunse in finale di Coppa nel 1992 e gli stranieri scoprirono che gli italiani non erano soltanto pizza spaghetti e mandolino

La storia si è ripetuta con Luna Rossa, sconfitta solo in finale. Insomma, avrete capito il senso del discorso: l’importante non è vincere, in questo caso. Ma far capire agli stranieri che siamo capaci di fare cose importanti nello sport, con serietà, capacità, inventiva. E la Coppa America che verrà è un’occasione d’oro.

Patrizio Bertelli

Al centro c’è un uomo che ha deciso di investire tanti soldi in un sogno. Patrizio Bertelli ce la “fece quasi” nel 2000 e ora ci riprova: il boss di Prada è diventato Challenger of Record (il “primo sfidante” al Defender della Coppa, con il compito di decidere il format della competizione), ha persino dato il nome dell’azienda a quella che prima era Louis Vuitton e ora Prada Cup. Ci sarà tanta Italia nella prossima Coppa: dimentichiamo il calcio, per una volta, e ricordiamoci che saremo gli assoluti protagonisti, con Luna Rossa, dell’evento velico più antico del mondo e allo stesso tempo più avanti a livello tecnologico.

Se ne sono appena ricordati (bravi) al CUOA, la scuola di management che ha conferito a Bertelli il Master of Business Administration Honoris Causa. Perché la Coppa America, ragazzi, è una roba seria!

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI REGATE & SPORT

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

3 commenti su “L’Italia punta sulla vela dopo gli insuccessi del calcio (e fa bene!)”

  1. Barclay Cooper Redway

    no per favore non invitiamo i tifosi di calcio nelle competizioni di vela (difficile per loro capire, tra l’altro)

  2. la Coppa America non fa testo: vince chi ha più soldi! la “vera vela” è stata e sarà sempre quella Olimpica, e qui l’ italia a parte il grande Straulino mezzo secolo fa e la Sensini nel windsurf ha fatto sempre figure sgangherate, peggio della nazionale di calcio

  3. Infatti, in coppa abbiamo avuto due imprenditori che hanno deciso di investire sulla loro passione se fosse stata la federazione a gestire la partecipazione all’evento….forse non ci avrebbero neanche fatto vedere le immagini in tv, altro che vincere LVC. In Italia dove c’è politica o interessi collettivi non ci può essere successo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

BARCHE USATE Vendono 5 grandi Classic Boat da 8,9 a 13,8 m

Continuiamo ad andare alla scoperta delle occasioni migliori di barche usate sul nostro mercatino degli annunci. Qui potete vendere e comprare barche usate (anche le Classic Boat storiche by Giornale della Vela!), accessori, posti barca, trovare l’idea giusta per le vostre vacanze e persino

I migliori catamarani del 2024 per gli americani sono questi

Lo scorso 3 aprile durante l’International Multihull Boat Show allestito a La Grande Motte, in Francia, si è tenuta la cerimonia di premiazione del concorso “Multihull of the Year” organizzato in collaborazione con la rivista statunitense Multihulls World. Negli ultimi

Registrati



Accedi