La traversata oceanica a bordo di una Star: il "pazzo" Noseda è partito

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Chiamatelo pazzo, chiamatelo sognatore, ma Dario Noseda è partito, con la sua Star Pa2sh, per attraversare l’Oceano a bordo della mitica classe olimpica, da lui rivista e ottimizzata per realizzare questa sfida. E già, perché di sfida vera si tratta, niente a che fare con una semplice navigazione: qui si va a cavalcare le onde dell’Atlantico, su una barca pensata in origine per fare tutt’altro.

Da Tenerife a Bahamas, quasi 3000 miglia di Oceano dove le condizioni prevalenti saranno quelle dell’Aliseo. Condizioni ideali se intendiamo fare una traversata con un 12 metri, tutt’altro che semplici se lo facciamo sulla mitica Star. Sarà una prova di resistenza fisica, mentale, una prova da grande marinaio e soprattutto da velista e sportivo vero. La finestra meteo individuata sembra quella giusta, con un Aliseo che appare al momento abbastanza stabile durante tutto il percorso.

L’avventura di Dario Noseda potrà essere seguita in diretta sulla pagina facebook di Star in Oceano (GUARDA QUI) o sul sito marinetraffic.com inserendo il nome Pa2sh per seguire il tracciamento satellitare.

GUARDA LE FOTO DEI LAVORI

ENERGIA E VIVERI

Per quanto concerne l’energia di bordo, Dario potrà contare su tre pannelli solarie, probabilmente, su due piccoli idrogeneratori (“ma forse non ne avrò bisogno”), che andranno a caricare due batterie al litio installate sulle due murate interne. Queste serviranno per alimentare due GPS e il satellitare.

E i viveri? “Disporrò di cibi liofilizzati che ‘rivitalizzerò’ con l’acqua dolce, la quale mi sarà fornita da due dissalatori manuali e cuocerà su un fornello ad alcol basculante. Inoltre, avrò tutte le dotazioni di emergenza previste dalla legge”. Il motore? “Assolutamente no, non lo voglio a bordo della mia Star!”.

Ma è nel rivestimento interno dello scafo la novità. “Idea dell’ingegner Bertolotto. Utilizzare una sorta di scheletro di bottiglie di plastica, piene d’aria. In caso di urti e criticità, abbiamo avuto modo di sperimentare, costituiscono un ottimo ammortizzatore”.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

1 commento su “La traversata oceanica a bordo di una Star: il "pazzo" Noseda è partito”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

paralimpiadi

Se sei un velista disabile puoi scordarti le Olimpiadi

Fumata nera. Il Comitato Paralimpico Internazionale (IPC) ha respinto la richiesta, presentata da World Sailing (la Federvela mondiale), di riammettere la vela come disciplina ai giochi Paralimpici di Los Angeles 2028. La vela ancora esclusa dalle paralimpiadi 2028 Già esclusi

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su