Volvo Ocean Race, adesso si fa sul serio: settemila miglia di Oceano fino a Cape Town

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

A bordo di Brunel. Photo by James Blake/Volvo Ocean Race.

Adesso si fa sul serio, adesso sarà Oceano. Tra poco più di 24 ore per i sette team della Volvo Ocean Race sarà tempo di ripartire e questa volta davanti a loro non c’è una tappa breve ma ben 7000 miglia di Oceano Atlantico con un assaggio di sud che metterà a dura prova gli equipaggi: start il 5 novembre da Lisbona, arrivo previsto a Cape Town in non meno di 15-18 giorni in base alle condizioni meteo. La regata vera inizia qui e questa sarà già una tappa dove si inizieranno a soppesare gli equilibri e i valori degli equipaggi.

Riuscirà Vestas a confermarsi ad alti livelli dopo la vittoria un po’ a sorpresa della Alicante-Lisbona? Arriverà la reazione degli spagnoli di Mapfre, super favoriti, o di Team Brunel e di Dongfeng Racing? Sarà un battesimo di fuoco per il giovane equipaggio di Turn the Tide on Plastic? Tra poco avremo risposte a tutte queste domande, ma sicuramente la tappa che sta per cominciare da un punto di vista strategico è molto varia e interessante.

La prima parte si correrà in regime di Aliseo di nordest e ciò che conterà di più, in un prevedibile lungo bordo mure a sinistra verso sud, saranno le traiettorie e il posizionamento iniziale, anche in ottica di approccio alle zone di calme equatoriali. I dolldrums, zona di interconvergenza tropicale dove si scontrano l’Aliseo di nordest con quello di nordest, saranno “aperti” più verso ad ovest o più a est? In base a questa previsione i navigatori imposteranno la loro traiettoria, per “bucare” le calme nel punto più favorevole.

Poi sarà ancora aliseo, quello di sudest, prima di bolina e poi con un’andatura sempre più larga, fino all’aggancio delle prime vere depressioni da sud, che porteranno la flotta verso il Sud Africa e all’arrivo di Cape Town. Il sud Atlantico sarà il momento della verità, quello in cui esploderanno i record di velocità e quelli delle miglia percorse nelle 24 ore. Con ogni probabilità infatti la tappa verrà decisa in quel rush finale, negli ultimi 3-4 giorni che saranno corsi a velocità elevatissime (GUARDA QUI QUANTO E’ DURA LA VITA DI BORDO). Prepariamoci a vederne delle belle, perché la vera Volvo Ocean Race inizia proprio adesso.

Mauro Giuffrè

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi