Mini Transat, partiti! L'uragano minaccia l'Aliseo? Beccaria&co a caccia del vento

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

Partiti! In una giornata di sole con vento medio-leggero i ministi hanno lasciato Las Palmas per il grande salto atlantico (leggi QUI), destinazione Le Martin, Martinica, distante 2700 miglia. I più svelti impiegheranno non meno di 15-18-20 giorni, a essere molto ottimisti, i più lenti potrebbero trascorrere anche quasi una settimana in più in mare. Per l’Italia restano in regata Ambrogio Beccaria (giunto sesto nella prima tappa a poco più di 4 ore dal leader dei Serie Valentin Gautier), Andrea Pendibene (23mo tra i serie con un ritardo di circa 11 ore), Emanuele Grassi ( 48mo tra i serie con un ritardo di quasi 48 ore rispetto al primo), Andrea Fornaro (16mo a 17 ore dal leader dei prototipi nella prima tappa, Ian Lipinski). LEGGI QUI COME SI SONO PREPARATI

Da un punto di vista meteo l’inizio sarà mediamente soft, con vento medio leggero, in attesa che la flotta agganci, probabilmente più a sud, un flusso più stabile e intenso dell’Aliseo. La grande novità di percorso è stata annunciata alla vigilia. A causa di un rischio, calcolato nel 20% di possibilità, che si crei un uragano tra le Bahamas e le Azzorre, il Comitato di Regata ha deciso per un passaggio obbligatorio dentro l’Arcipelago di Capo Verde: i ministi dovranno obbligatoriamente passare tra  Santo Antão e São Vicente, tenendo una rotta decisamente più a sud del previsto, con 200 miglia in più di percorso, e tenendosi così lontani dalla zona calda di eventuali uragani.

Una scelta del CDR volta alla sicurezza, che però chiuderà in questa prima parte alcune opzioni tattiche, riducendo almeno in parte le scelte strategiche importanti. Tutto si giocherà quindi, a colpi di strambate, nel posizionamento dentro un flusso stabile di Aliseo, i primi ad agganciarlo potrebbero subito incassare una mini fuga.

Segui il tracking QUI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Piccoli ma comodi: i Maxus arrivano in Italia con Barcando

Un’interessante novità sta per arrivare sul mercato italiano, dedicata ai diportisti amanti delle piccole barche a vela e a chi le cerca con queste caratteristiche anche per il charter. In un modo della cantieristica dominato dalle barche sopra i 12

Trionfo Tita. E adesso Olimpiadi e Coppa America

Ha fatto bene a Ruggero Tita, l’allenamento invernale con Luna Rossa e giocare al simulatore assieme a Marco Gradoni. Il poker di Ruggi il Freddo Ha stravinto con venti punti di vantaggio il suo quarto campionato mondiale Nacra 17 (e

Registrati



Accedi