FOTO La top five delle barche a vela più grandi del mondo

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Eos_93 m
Negli ultimi anni il fenomeno del gigantismo si è fatto largo anche nella vela. Certo siamo ancora lontani dai numeri del motore.
A oggi, sono solo otto i megasailer contemplati nella classifica delle 200 barche con lunghezze comprese tra i 65 e i 180 metri attualmente in circolazione. Nonostante la sparuta minoranza, la vela extra large si difende bene soprattutto in termini di contenuti. Ciascuna delle otto unità si distingue per la storia che porta in dote: vuoi per le tante vicessitudini che ne hanno caratterizzato la vita operativa degne di un romanzo d’avventura, vuoi per i raffinati contenuti tecnologici che riescono a esprimere.

Eos File Grande A VELE SPIEGATE
Come nel caso di Eos. Sceso nel 2006 dagli scali di Brema, in Germania, Eos porta la firma di Lurssen, cantiere entrato di recente nel Guinness dei Primati per aver costruito Azzam che, a oggi, con i suoi 180 metri di lunghezza, è lo yacht più grande di sempre. Pur non arrivando a tanto Eos, nel suo “piccolo”, con i suoi 93 metri di lunghezza (incluso il bompresso) figura come secondo yacht a vela più grande del mondo ed è preceduto dal Sea Cloud. Eos è un tre alberi con scafo e sovrastruttura in alluminio, ha un baglio massimo di 13,50 metri, un pescaggio che arriva a 5,50 metri e un dislocamento di 1.500 tonnellate di stazza lorda. Ma dove il megasailer fa la differenza è sulla superficie velica: ben 3.600 metri quadrati, di gran lunga la più imponente che può spiegare al vento oggi uno yacht a vela privato. L’altezza dei tre alberi, che arriva a 61, metri è stata calcolata anche per rientrare nei parametri Panamax fissati a 62,5 metri, soglia limite superata la quale non è consentito transitare per il Canale di Panama. Per quanto riguarda il design gli esterni, che richiamano vagamente alla memoria linee rétro, sono opera dello studio Langan Design Associates, mentre per gli interni l’armatore si è affidato all’estro di Francois Catroux. Poco o nulla si sa sullo stile che caratterizza gli ambienti di bordo che possono accogliere fino a un massimo di 16 ospiti assistiti da un equipaggio di 21 persone.

LE ALTRE QUATTRO REGINE DEL MARE:

Vertigo-Sailing6-enews
VERTIGO

Costruito da Alloy in Nuova Zelanda, Vertigo è, con i suoi 67,2 metri di lunghezza, lo yacht a vela più grande costruito nell’emisfero australe. Vertigo evidenzia con Philippe Briand (linee esterne) e Christian Liagre (interni) le capacità progettuali del made in France.

Regatta
MALTESE FALCON

Non sono tanto le dimensioni, 88 metri di lunghezza, quanto l’innovativo piano velico Falcon Rig ad aver dato al Maltese Falcon una grande notorietà. Varato nel 2006 da Perini Navi sfrutta un sistema a vele quadre gestibili anche con un comando a distanza.

Sea Cloud
SEA CLOUD

Varato nel 1931 con il nome Hussar II misura 109,50 metri di lunghezza. Il primo armatore fu Marjorie Merriweather Post, poi ha servito per la US Navy; ed è stato yacht presidenziale della Repubblica Dominicana. Oggi naviga con i colori della Sea Cloud Cruises.

Sailing-Yacht-Hetairos-665x442
HETAIROS

Con i suoi 66,7 metri di lunghezza è il megasailer in composito più grande in circolazione. Varato da Baltic nel 2011 Hetairos è armato a ketch. Le linee d’acqua sono dello studio Reichel-Pugh, il che la dice lunga sulla sua vocazione corsaiola.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

4 commenti su “FOTO La top five delle barche a vela più grandi del mondo”

  1. Scusate ma, su un giornale specializzato del settore, non si può leggere “…dislocamento di 1.500 tonnellate di stazza lorda.”

  2. I have been exploring for a bit for any high-quality articles or blog posts in this sort of space . Exploring in Yahoo I finally stumbled upon this site. Studying this info So i am satisfied to convey that I have a very just right uncanny feeling I found out exactly what I needed. I such a lot surely will make sure to do not forget this site and provides it a glance on a continuing basis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

Ci sono progetti nuovi e ci sono progetti innovativi. Come anche ci sono tutti quei progetti che stanno un po’ a metà, galleggiando nel mezzo, sfiorando l’uno o l’altro limite. E poi c’è il nuovo Neo 570c, che gioca in

Torna su