developed and seo specialist Franco Danese

Volvo Ocean Race: Lisbona è di Vestas, beffati i super favoriti di Mapfre

STORIE La vita incredibile del marinaio-esploratore Bill Tillman
28 ottobre 2017
Tesoro, mi si è allungata la barca! Il fenomeno del momento è la delfiniera
29 ottobre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

Photo by Jesus Renedo/Volvo Ocean Race. 28 October, 2017.

Da quello schianto sul reef alla vittoria della prima tappa di questa Volvo Ocean Race: ok, tanto è cambiato da quell’impatto sull’atollo sperduto, ma il nome Vestas è rimasto e per il brand che ha creduto in questa regata è un risultato molto importante la vittoria di questa prima tappa da Lisbona ad Alicante. Merito dello skipper Charlie Enright e del suo equipaggio, che hanno portato Vestast 11th Hour Racing alla vittoria di Lisbona con il tempo di 6 giorni, 2 ore, 6 minuti e 45 secondi ore di navigazione ottenendo i primi 8 punti in palio (7+1 punto bonus per la tappa).

Enright conferma quanto di buono aveva fatto vedere già con Team Alvimedica: non ha l’esperienza dei veterani ma ha la capacità di formare e gestire un gruppo di professionisti che può competere al top in questa regata e lo ha subito dimostrato mettendosi alle spalle equipaggi che sulla carta partivano come molto più favoriti. I secondi e i terzi, gli spagnoli di MAPFRE, con lo skipper Xabi Fernàndez e i franco/cinesi di Dongfeng Race Team con il francese Charles Caudrelier, partivano senza dubbio con i favori del pronostico. Il quarto posto va a un ottimo Team Akzo Nobel, mentre Team Sun Hung Kai sta per chiudere al quinto e gli ultimi due, mentre scriviamo, sono in bilico tra Turn the Tide on Plastic (sulla quale naviga Francesca Clapcich) e Team Brunel (con Alberto Bolzan) che ha deluso nel ruolo di favorito, ma il giro del mondo è ancora lunghissimo e il 5 novembre sarà già tempo di partire verso Cape Town.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi