Un velista con la testa scoperta è un velista a rischio! Ecco come proteggersi

testaDopo esserci occupati di come vestirsi in barca e di come proteggere mani e piedi, tocca alla testa. Cappelli, maschere e passamontagna: ecco come sceglierli in modo tale da essere al riparo dal freddo, dall’acqua e dalle insolazioni. Vi indichiamo anche alcuni prodotti per ogni categoria (tra l’altro, Natale si avvicina: nella maggior parte dei casi, li abbiamo selezionati in modo tale che possano essere “personalizzati” con ricami e stampe di sigle, loghi e scritte a vostro piacimento).

BERRETTI E CAPPELLI SONO FONDAMENTALI
Vi consigliamo di indossare sempre, in barca un cappello con visiera o a falde larghe perché dato che si sta molte ore sotto al sole battente è fondamentale proteggere la testa da un’insolazione che può accentuare il mal di mare. Ideale un berretto con passagola, o un cappellino con “fermo di sicurezza” da attaccare al collo della maglietta shirt, polo o al giaccone affinché non voli via con il vento.

Meglio portare con sé a bordo in barca due berretti: un cappellino con funzione anti-sole ed uno tipo cuffietta o zuccotto, di lana o in pile, con funzione anti-umido e anti-freddo. Le estremità del corpo come la testa sono le zone a più alta dispersione termica e quindi vanno protette dal freddo, sicuramente in inverno, ma anche in estate in caso di brutto tempo o in una navigazione notturna. Ecco alcuni esempi di prodotti:

Berretto di lana Slam
Questo berretto invernale è un classico da marinaio, lavorato a costa inglese con risvolto, in lana idrorepellente. Ideale per la barca, va benissimo anche “sulla terraferma”. Ha un costo di 23 euro e LO TROVATE QUI.

Berretto Beechfield in acrilico
Ultraeconomico e personalizzabile con ricami e patch, questo berretto di Beechfield è realizzato al 100% in acrilico effetto soffice. Modello classico con risvolto, ha un costo di 6 euro. LO TROVATE QUI.

Cappellino Slam in cotone
Questo cappellino a sei pannelli con visiera in cotone è dotato di clip di sicurezza (da agganciare posteriormente al collo della polo, della maglietta o della cerata) che gli impedisce di volare in mare anche in condizioni di vento forte. Il prezzo è di 11 euro, LO TROVATE QUI.

Cappello US Army a falda larga
Infine, per quando fa caldo, vi proponiamo il cappello a falda larga dell’US Army, leggero e dotato di banda in nylon “porta oggetti”, con laccio sottogola regolabile e 4 fori per l’areazione. Molto resistente, studiato per i climi tropicali, è realizzato in tessuto color kakhi 100% cotone. Costa 15 euro e LO TROVATE QUI.

MASCHERE FACCIALI, UNA FURBATA
Le maschere facciali sono un piccolo accessorio utilissimo per proteggere il volto (ma anche la gola e le orecchie) dal freddo, dal vento e dagli schizzi d’acqua. Sono “furbe” perché leggere, poco costose ed ingombranti, possono fare la differenza in caso di bisogno. Per questo, quando fa freddo, andrebbero sempre tenute nella tasca della cerata o del giubbotto pronte all’uso. Quando le condizioni si fanno davvero estreme anche un passamontagna di derivazione alpinistica potrà andare bene. Ecco un po’ di buoni esempi:

Maschera antifreddo windstopper
Questa maschera facciale anti freddo e antivento è realizzata in 100% poliestere windstopper (esternamente sembra in pile) in taglia unica regolabile grazie all’ampia chiusura posteriore in velcro. Costa 12 euro e LA TROVATE QUI.

Maschera in neoprene
Questa maschera è realizzata in due pezzi (uniti verticalmente centralmente con una robusta cucitura) in 100% poliestere neoprene 5 mm (felpato internamente per la massima morbidezza). In taglia unica regolabile grazie alla chiusura posteriore in velcro. La maschera in tinta unita nera ha un taglio per il naso in modo da coprirlo, lasciando le narici libere di respirare, molti buchi all’altezza della bocca e delle orecchie per facilitare lo scambio d’aria e l’udito. Ha un prezzo di 12 euro e LA TROVATE QUI.

Passamontagna Tribord CR900
Realizzato in pile caldo, questo passamontagna è reversibile con interno fluorescente per migliorare la visibilità. Costa 8 euro e LO TROVATE QUI.

SCOPRI TUTTI LE IDEE REGALO PER NATALE PERSONALIZZABILI 

SCOPRI GLI ACCESSORI DI NAUTICPLACE E CREWCOLLECTION


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

sostenibilità

L’abuso della parola sostenibilità nel mondo della nautica

Siamo usciti dai saloni nautici di Cannes e Genova ubriachi di sostenibilità. Sembra, quest’anno, la parola magica da inserire nella comunicazione di ogni cantiere. Va bene, è il tema del momento complice la situazione mondiale. Ma andiamoci piano a sbandierare

Torna su