Mini Transat, adesso si fa sul serio! Italiani, pronti per il grande salto in Atlantico?

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>

Adesso si fa sul serio, adesso c’è l’Atlantico da attraversare, il grande salto, la vera sfida della Mini Transat. Finita la “sbornia” di emozioni della prima tappa, leccate le ferite, i ministi rimasti in gara sono pronti a partire da Las Palmas, start il 1 novembre, con destinazione Le Martin (Martinica), per il tappone oceanico di 2700 miglia. Gli italiani rimasti in regata sono 4, dopo i ritiri di Matteo Rusticali (disalberamento) e Luca Sabiu (disalberamento con abbandono nave e successivo recupero barca). Saranno in regata Ambrogio Beccaria su Alla Grande Ambeco, Andrea Fornaro su Sideral, Andrea Pendibene su Pegaso Marina Militare ed Emanuele Grassi su Penelope. Andiamo a vedere come stanno e quali sono le loro possibilità dopo il risultato della prima tappa.

Ambrogio Beccaria

Il suo sesto posto è il migliore risultato degli italiani dopo la prima tappa. Ma c’è di più, il distacco dal primo, lo svizzero Valentin Gautier, è di poco più di 4 ore, un particolare che conta dato che la classifica finale verrà assegnata sulla somma dei tempi. Sulla carta Beccaria con il suo Mini Ambeco non deve porsi limiti, può ambire al “colpaccio”, può puntare al podio, in una tappa dove oltre alla performance pura conterà saper portare la barca al traguardo e avere un buon feeling con la stessa nelle dure condizioni che incontreranno i ministi. E Ambrogio ha dimostrato di avere un grande feeling con il suo Pogo 2, riuscendo praticamente a tenere il passo dei più recenti e performanti Pogo 3. Ha finito la prima tappa praticamente senza alcun problema tecnico, è tornato in Italia per riposarsi e ricaricare le batteria, può ripartire con il coltello tra i denti, pronto a stupire tutti.

Andrea Pendibene

Scottato dalle esperienze precedenti che lo avevano visto andare KO alla prima tappa, ha condotto una regata prudente soprattutto in Biscaglia, per poi gestire e iniziare ad attaccare nella seconda parte. Ha chiuso 23mo con un ritardo di circa 11 ore dal vincitore, un tempo che lascia ancora ben sperare in un buon risultato in vista della seconda. Ha vinto il duello distanza con lo skipper Cedric Faron che porta i colori della Marina Nazionale francese e naviga come Pendibene su un Pogo 3. Non ha riportato problemi tecnici particolari e può partire per queste 2700 attaccando: il distacco accumulato non è tale da tagliarlo completamente fuori dalle posizioni che contano, ha la barca per farlo e l’esperienza.

Andrea Fornaro

Una prima tappa dalle molte facce quella di Fornaro su Sideral. Ha chiuso 16mo e ha 17 ore da recuperare rispetto al “mostro” Ian Lipinski. Scelte tattiche azzardate, grandi recuperi, ottime medie di velocità, ma anche una lunga sosta nella bonaccia e alcuni problemi tecnici, con un feeling ancora da finire di costruire con il suo prototipo. Fornaro ha dimostrato di sapere mettere alla frusta la barca, le performance ci sono, ma è arrivato anche un problema alla chiglia basculante che ha riparato di fortuna in mare e finito a terra durante lo stop a Las Palmas. Si è detto assolutamente convinto che la vera regata debba ancora iniziare, è pronto a fare una regata tutta d’attacco per nulla conservativa. Potremmo vederne delle belle, i giochi sono ancora aperti.

Emanuele Grassi

Tenace, caparbio. E’ arrivato a Las Palmas con un solo timone, faticando molto ma portando comunque a termine la sua tappa. Ha chiuso 48mo con un ritardo di quasi 48 ore rispetto al primo, inevitabile dato che ha navigato per la maggior parte della regata in modalità “sopravvivenza” a causa della crepa che ha messo fuori uso uno dei timoni. Arrabbiato, “Ero qui per fare la regata, non un trasferimento”, con il suo Pogo 2 andrà a caccia di soddisfazioni nella tappa oceanica. Ha rimesso a posto la barca nella sosta alle Canarie, riparte con il piglio giusto e pronto a dare veramente battaglia come non ha potuto fare da La Rochelle a Las Palmas.


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Neo 570c

Neo 570c, il fast cruiser (17 m) fuori dal coro

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >> Ci

Quanto costa il tagliando del motore entrobordo?

Quanto mi costa il tagliando del motore entrobordo? Conti alla mano, ecco le voci fatturate da una officina autorizzata per la  manutenzione periodica del motore di una barca a vela da crociera di 9-12 metri. Quanto costa il tagliando del

Ecco come funziona la prima barca a vela a idrogeno

Lo skipper britannico Phil Sharp ha di recente presentato il suo nuovo Imoca “OceansLab”, la prima barca a vela da regata che integra un sistema di energia elettrica a idrogeno. E con questa tecnologia “green” parteciperà al Vendée Globe 2024.

Torna su