Sorpresa! Grandi russi su una piccola barca vincono la Middle Sea della burrasca!

middle seaChe sorpresa! E’ stato Bogatyr, un piccolo JPK 10.80 (come quello qui sopra) del russo Igor Rytov, a portarsi a casa la vittoria più prestigiosa (quella nella classifica IRC, con un tempo di tre giorni, 16 ore, 23 minuti e 5 secondi) della Rolex Middle Sea Race della burrasca. Una delle edizioni più impegnative e memorabili di sempre la numero 38 (608 miglia partendo da Malta, e circumnavigando in senso antiorario la Sicilia per poi ritornare a Malta), con oltre 50 ritiri sulle 104 barche partite (guarda qui il video della burrasca da bordo di Sagola Biotrading). Si stanno aspettando ancora alcuni arrivi, ma difficilmente qualcuno potrà strappare il titolo a Rytov e compagni.

Bogatyr, foto di Tatiana Costantino (fonte Facebook)

MERITO DI UNA SUPERBARCA…
JPK 10.80, dicevamo. Una piccola grande barca che dà il meglio di sé sulle lunghe distanze: non a caso è uno dei modelli più ambiti in regate tipo la Transquadra e ha vinto l’edizione del Fastnet del 2015 (Courier du leon di Gery Trentesaux). Lo stesso anno il modello è stato insignito, nella categoria Performance Cruiser, del titolo di European Yacht of The Year. Una barca che offre prestazioni simili a una deriva ma adatta anche alla navigazione atlantica. Lungo 10,80 metri, ha un baglio massimo di 3,65 per un peso totale di 4.800 chili. La motorizzazione (Volvo, di serie) è di 30 cavalli e il pescaggio di 2,20 m. La superficie velica in bolina è di 72 mq. Il progetto è di Jean Pierre Kelbert (dalle cui iniziali JPK).

Igor Rytov

… E DI UN SUPEREQUIPAGGIO
Ma anche l’equipaggio, interamente russo, non scherza: Igor Rytov è l’armatore che, insieme a Anton Sergeev e al tattico Konstantin Besputin ha vinto l’europeo Melges 20 quest’anno. Poi c’erano Valerii Zatsarinskii, Slava Martynov, Alexander Patrushev, Ivan Sharapov e Pavel Mshenski. Besputin, Sergeev, Zatsarinskii e Patrushev erano a bordo anche del Melges 32 Tavatuy che ha vinto il mondiale 2017. Dei veri guerrieri: non a caso Bogatyr è una parola utilizzata per indicare i guerrieri eroici della tradizione medievale slava orientale, comparabili con i cavalieri erranti della tradizione dell’Europa occidentale.

I MIGLIORI DELLA MIDDLE SEA
In IRC nella classifica provvisoria, alle spalle di Bogatyr si piazza Music, lo Swan 53 dell’inglese James Blakemore (in testa in ORC overall), davanti a Teasing Machine, NMYD 54 del francese Eric De Turckheim. Migliore degli italiani (ma iscritto con bandiera svizzera) Kuka 3, Cookson 50 di Franco Niggeler (a bordo velisti del calibro di Corrado Rossignoli e Andrea Caracci), per ora al settimo posto overall. Per quanto riguarda il tempo reale, primo sulla linea del traguardo è arrivato il maxi Rambler88 di George David (2 giorni, 9 ore, 48 minuti e 9 secondi).

TUTTE LE CLASSIFICHE IN AGGIORNAMENTO

TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

In evidenza

Continua a leggere

Torna su