Mini Transat shock: Rusticali disalbera, Fornaro e Beccaria col coltello tra i denti

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

mini transat
Matteo Rusticali alla partenza da La Rochelle

Mini Transat al veleno, da subito. Matteo Rusticali ha disalberato, dalle notizie che arrivano lo skipper sta bene, è in sicurezza e sta rientrando verso la costa. Non sono chiare le dinamiche dell’incidente, ma quel che è certo che la notte in Biscaglia non è stata delle più tranquille: prima vento leggero poi in forte aumento e un mare non semplice da gestire.

Per gli altri cinque italiani in regata alla Mini Transat (4.000 miglia in solitario in due tappe da La Rochelle a Las Palmas e poi fino alla Martinica) la notte sembra essere passata bene, in particolare per Andrea Fornaro tra i poto, Sideral, e Ambrogio Beccaria tra i Serie, su Ambeco. Fornaro cerca di restare incollato alla testa del gruppo, è in sesta posizione staccato di 5.8 miglia dallo scatenato duo Riechers-Lipinski che guida la flotta. Sideral è leggermente più lenta dei battistrada ma sembra averne per restare in scia.

Andrea Fornaro

Ottimo inizio per Ambrogio Beccaria: in questa bolina larga iniziale, nonostante l’aria sostenuta delle ultime ore, Ambeco sta tenendo il passo dei primi e si trova in nona posizione staccato di 2,1 miglia dal leader provvisorio Erwan Le Draoulec.

I Pogo 3 conducono le danze come previsto ma Ambeco ne tiene anche qualcuno alle spalle e questa è un’ottima notizia che conferma già da subito la buona preparazione dello skipper milanese. Leggermente più attardato, proprio su un Pogo 3, Andrea Pendibene che sembra partito su una modalità leggermente più conservativa: lo skipper della Marina Militare si trova in quattordicesima posizione staccato di 3.6 miglia dal leader.

Più staccati gli altri due italiani, Emanuele Grassi è 49mo a 9.7 miglia, Luca Sabiu 53mo a 13.6 miglia, giustamente prudenti in questa prima fase dove, per chi ha come obbiettivo principale solo quello di arrivare fino in fondo, è prioritario non correre rischi e uscire dal Golfo di Biscaglia con la barca in buone condizioni.

Nelle prossime 24 ore è attesa una transizione meteo: il vento da sud-sudovest ruoterà a nord-nordest, si tratta di uno degli snodi cruciali di quest’attraversamento della Biscaglia, chi riuscirà a stare meglio in fase con la rotazione ha la possibilità di piazzare un mini breack e allungare.

TRACKING della regata QUI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI REGATE E SPORT

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi