developed and seo specialist Franco Danese

VIDEO Ecco come i materiali sintetici hanno mandato in pensione il teak. Parola di Refit Style!

ACCESSORI In diretta da Genova, prosegue la nostra "carrellata" di colpi di fulmine
26 settembre 2017
Volvo Ocean Race e Golden Globe, di sola passione… si muore
26 settembre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!


Girando tra le banchine di Cannes e di Genova, ci siamo resi conto che il caro, vecchio (e costosissimo da mantenere) teak è andato in pensione, sostituito dai nuovi rivestimenti sintetici.
Sono tante le barche di ultima generazione che montano questo tipo di prodotto, in alcuni casi quasi indistinguibile dal legno tradizionale: non più una tendenza, ma una realtà consolidata. I vantaggi, in termini di manutenzione, sono grandi: non dovrete più diventare pazzi per rifare la gommatura o sudare sette camicie per riverniciare, lavare, strofinare. Uno degli “attori” italiani di questo cambiamento (“stiamo scrivendo la storia”, ci dicono, ridendo, allo stand) è Refit Style, il marchio che commercializza Permateek.

Zero manutenzione, doghe termosaldate che bloccano le infiltrazioni, ottima tenuta antiscivolo e resistenza ai raggi UV. Inoltre il teak sintetico scalda meno del legno vero e potete sceglierlo in una vastissima gamma di colori e finiture. Basterà fornire la sagoma della superficie da rivestire e vi verrà consegnato il tappeto pronto per l’installazione che potrete fare da soli o con l’aiuto degli esperti di Refit Style, distributore ufficiale in Italia di Permateek. Ma abbiamo anche scritto troppo: ci ha raccontato tutto Erika Tramarin. www.refitstyle.com

SINTETICO E’ MEGLIO

TUTTE LE NOVITA’ IN DIRETTA DAL SALONE DI GENOVA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi