developed and seo specialist Franco Danese

PROVATA. X6⁵, il senso di X-Yachts per la crociera lunga. FOTO e VIDEO

Caso Scugnizza: il Tribunale Federale fa come Ponzio Pilato?
19 settembre 2017
Pronti per l'ultima tappa della VELA Cup a Marina di Pisa: ci vediamo il 30 settembre
20 settembre 2017

Sharing is caring, condividilo con i tuoi amici!

L’X6⁵ in navigazione durante il nostro test. Foto Communication Products

Una barca per chi non vuole porre limiti ai propri orizzonti. Così potremmo sintetizzare la nostra esperienza a bordo del nuovo X6⁵ di X-Yachts: la nuova ammiraglia, che sarà presente al Salone di Genova 2017, segna per il cantiere danese il ritorno verso il modello delle crociere a lungo raggio, in parte già esplorato con il vecchio X65 ma soprattutto con l’IMX 70 e l’X73. Un modello pensato per gli armatori che hanno già provato l’esperienza sui modelli più sportivi del cantiere e decidono di salire decisamente di gamma ma soprattutto optano per un cambio di filosofia: dall’adrenalina degli scafi performance alla potenza controllata di una barca con la quale si può girare il mondo nel massimo comfort.

Per gli appassionati dei modelli del cantiere danese questo certamente non è il classico X, ma del resto negli ultimi anni, anche con il lancio della serie C che ha affiancato i performance, lo storico marchio nord europeo ha dimostrato di volere decisamente allargare gli orizzonti esplorando nuovi segmenti di mercato.

Il nostro test a Genova. Foto Communication Products

Quella che ci siamo trovati davanti in banchina ha Genova è una barca imponente che già a primo impatto trasmette una sensazione di sicurezza, una sensazione di casa. Un blue water cruising puro sangue, con tanto di deck saloon (ovvero la tuga pronunciata dotata di finestratura quasi a 360 gradi). Il pozzetto è ampio e si caratterizza per l’assenza del trasto, la scotta randa lavora infatti sul roll barr lasciando sgombro il pavimento. Le manovre sono interamente rinviate su una doppia coppia di winch elettrici a ridosso delle due timonerie (doppia pala del timone) e consentono una conduzione semplice anche in equipaggio ridotto.

L’X6⁵ di bolina nell’aria leggera al largo di Genova. Foto Communication Products

Le condizioni del nostro test erano di onda lunga e vento da ovest-nordovest tra i 6 e i 12 nodi. Sotto gli 8 nodi la barca inizia a prendere passo nonostante il dislocamento importante di 29.500 kg, ma è quando l’intensità arriva ai 10 nodi che diventa reattiva e sensibile nonostante si tratti di uno scafo lungo 20 metri. Fino a 8 nodi di intensità, con un angolo apparente al vento di 35-40 gradi, l’ammiraglia si mantiene un nodo sotto la velocità reale del vento. Non appena la pressione aumenta ulteriormente il gap tra vento reale e velocità diminuisce e con la giusta sensibilità alla ruota abbiamo navigato per lunghi tratti prossimi all’intensità del vento reale.

Timonandola sotto gennaker a angoli stretti abbiamo potuto apprezzare la docilità e la semplicità di conduzione dell’ X6⁵ . Quando le raffichette sono salite fino a 12 nodi siamo riusciti a caricare facilmente la barca all’orza anche fino al traverso per poi accellerare velocemente in poggiata superando agevolmente i 10 nodi di velocità GPS. 

IL VIDEO DEL GIORNALE DELLA VELA

 

Internamente la nuova ammiraglia si presenta con tutto quanto ci si possa aspettare da una barca dedicata alle crociere a lungo raggio. Altezza in dinette e nelle cabine superiore ai due metri, visione interno-esterno a 360 gradi, buona qualità delle finiture, ampissimi spazi di stivaggio e un gusto del design generalmente sobrio come tipico del cantiere danese. La versione che abbiamo provato aveva armatoriale a prua e due cabine doppie a poppa ma il layout è personalizzabile così come gli arredi. Da rimarcare lo spazio dedicato alla cucina, praticamente come sentirsi a casa come è giusto che sia su una barca da vivere al 100% come questa. 

FOTO GALLERY Giuffrè/Giornale della Vela

Da sottolineare la soluzione per il tender garage: la plancetta di poppa, tramite pistoni idraulici, si apre e il fondo dello scafo è dotato di comodi rulli e di un sistema per l’alaggio e il varo del gommone ausiliario senza la necessità di smontare il fuoribordo.

In definitiva la big di X-Yachts ci è sembrata una barca completa, matura, per armatori consapevoli di ciò che cercano, velisti che hanno apprezzato la qualità tecniche delle barche del cantiere ma adesso vogliono ritrovarle sotto una nuova luce. Armatori che cercano la barca definitiva, quella su cui vivere o sulla quale trascorrere buona parte dell’anno indipendentemente dalla stagione.

Scheda tecnica

Lungh. 20.09 mt

Largh. 5.40 mt

Immersione chiglia profonda 3.4 mt

Disloc. 29.500 kg

Sup. vel. randa+fiocco 217 mq

Gennaker 280 mq

Capacità gasolio 1200 lt

Capacità acqua 1000 lt

Contatti: www.x-yachts.com , info@x-italia.it

 

Mauro Giuffrè

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NEWS DI BARCHE E CANTIERI 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le tue informazioni non verrano mai cedute a terzi