Cari italiani con barca in Croazia: è ora di tornare a casa! E di corsa

IL REGALO PERFETTO!

Regala o regalati un abbonamento al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno hai la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi.

croaziaCari italiani, forse è il caso di portar via la vostra barca dalla Croazia, che ne dite? E il consiglio è farlo di corsa. Inspiegabilmente poco informati sui danni che la famigerata tassa di stazionamento istituita dal Governo Monti (per fortuna abolita) causò al mondo del diporto nel nostro paese, la Croazia se ne esce con un aumento esponenziale della tassa di soggiorno per i proprietari di imbarcazioni sul territorio nazionale. Inspiegabilmente, perché all’epoca fu fuga di barche proprio verso la Croazia. Forse i nostri dirimpettai adriatici sentono in debito verso di noi e vogliono “rimediare” creando un flusso di barche verso i nostri marina?

TASSA SALATISSIMA E A CASO
Ad ogni modo, colpiscono le cifre salate: guardate la tabella qui sotto, tratta da yacht.de. Annualmente, la tassa per un 10 metri sarà di 775 euro (prima erano 147), un 12 metri oltre 1.000 euro (prima 176). La cosa assurda, poi, è che gli scaglioni sono sulla base della mera lunghezza e non tengono conto della vecchiaia della barca. Poco importa se tu abbia un 10 metri in vetroresina del 1975 o di ultima generazione in carbonio (che vale almeno 20 volte tanto), pagherai uguale. In Croazia è già subbuglio…

tabella
GLOSSARIO Bootslange = lunghezza barca; bis = fino a; Tage = giorni; Jahr = anno. Tra parentesi i vecchi prezzi

DO YOU REMEMBER MONTI?
Che cosa accadrà? Lo sappiamo bene, si ripeterà esattamente quanto è successo sulle nostre coste qualche anno fa: aumento del prezzo dei noleggi (le società di charter saranno costrette a traslare sul cliente l’aumento della tassa), fuga di barche verso le nazioni vicine (Italia, Slovenia, Grecia), marina vuoti, perdita di posti di lavoro: e pensare che il turismo nautico è una fonte importantissima di guadagno per la Croazia. Boh.

SCOPRI TUTTE LE NEWS DI BARCHE E CANTIERI

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

11 commenti su “Cari italiani con barca in Croazia: è ora di tornare a casa! E di corsa”

  1. La tassa non mi pare cosi` salata, e inoltre c’e’ uno sconto cospicuo per gli anni successivi al primo. Segnalo anche che l’aggettivo “esponenziale” ha un significato ben preciso in matematica elementare: qui e` usato a sproposito.

  2. La tassa di soggiorno in croazia si paga quando si soggiorna come turisti nel paese e conta 1 € circa al giorno per persona. È diversa dalla vignetta che è annuale. Ora se vado in barca per baie non hanno modo di incassare l euro e quindi lo fanno forfettario in base ai giorni di permanenza e in base alla lunghezza (più lunga = più persone a bordo). I miei 15 giorni di crociera in tre persone mi costano meno, come tassa di soggiorno, che come se andassi via terra. Poi se lascio la barca tutto l’ anno e sono in otto a bordo….

  3. spendo sempre meno che in italia: assicurazione con casco,metà…marine un 20% in meno e molto ben attrezzate…posto incantevole; piuttosto di rischiare di finire nelle secche tipo rimini…mare stupendo…ma chi me lo fa fare di tornare in italia per 2/300 euro in più…???

  4. è una ladrata degna delle peggiori filosofie politichesi. Si blocca lo sviluppo economico. Non solo le marine ma anche i ristoranti e tutto l’indotto economico che ruota attorno al turismo nautico subiranno i disastrosi effetti di questa stupida logica incrementativa. Per non avere poi nessun servizio in contropartita. La tassa di stazionamento non dovrebbe esistere. Chi governa la Croazia è incapace di fare economia (come in Italia purtroppo)

  5. C’è chi ha barche di 9/10 metri per pura passione e fa sacrifici …. Comunque sconti sulle vignette non ci sono più dall’anno scorso e i prezzi delle darsene sono notevolmente aumentati ( vedi listino Aci marine 2018). In ogni caso la barca è un lusso, sempre di più, il rischio è che purtroppo qualcuno dovrà abbandonare. Buon mare a tutti.

  6. per me l’incubo più grande è quello di fare dogana visto che ci andavo spesso nei week end, un burocrazia assurda e proprio per questo non ciandrò più, nei prossimi week end a venire spenderò i soldi tra Portorose e Pirano , che si freghino i croati

  7. Non mi sembra il caso di drammatizzare se pensate Cosa costa una barca di 20 metri.i 1970 euro sono una goccia in mare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social

Iscriviti alla nostra Newsletter

Ti facciamo un regalo

La vela, le sue storie, tutte le barche, gli accessori. Iscriviti ora alla nostra newsletter gratuita e ricevi ogni settimana le migliori news selezionate dalla redazione del Giornale della Vela. E in più ti regaliamo un mese di GdV in digitale su PC, Tablet, Smartphone. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “iscrivimi”. Riceverai un codice per attivare gratuitamente il tuo mese di GdV!

Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


In evidenza

Può interessarti anche

Registrati



Accedi