Coppa America: c'è l'accordo, tornano i monoscafi ma con i foil

APPROFITTANE SUBITO! Abbonati al Giornale della Vela cartaceo + digitale e a soli 69 euro l’anno ricevi la rivista a casa e in più la leggi su PC, smartphone e tablet. Con un mare di vantaggi. Scoprili qui >>
Il 60 piedi su cui si correrà la Volvo 2019, il cui concept potrebbe ispirare i prossimi Coppa America

Li avete chiesti a gran voce e pare proprio che stiano per tornare. Dopo l’annuncio sul vincolo di nazionalità (Leggilo QUI), i monoscafi alla prossima Coppa America sono realtà ma attenzione cari amici nostalgici perché le barche in arrivo potrebbero non essere come quelle che state immaginando. A confermare l’abbandono dei catamarani è stato, in un’intervista al quotidiano La Stampa, lo stesso boss di Prada Patrizio Bertelli. L’intesa con Team New Zealand è stata trovata e pare proprio che fin dalla preparazione della campagna vittoriosa dei kiwi ci fosse un accordo che prevedesse il ritorno ai mono in caso di vittoria neozelandese.

Un team di progettisti è a lavoro, sotto la supervisione del design coordinator Dan Bernasconi , per sviluppare il progetto e la box rule della nuova barca di cui conosceremo maggiori dettagli verso la fine di settembre 2017. Praticamente certa la presenza dei foil e questa sarebbe una delle condizioni desiderate da Team New Zealand che Luna Rossa accetterebbe di buon grado. Secondo una nostra fonte gli studi in corso sono concentrati su una misura intorno agli 80 piedi. I kiwi vogliono conservare il vantaggio nello sviluppo delle forme acquisito in questa Coppa. Luna Rossa, avendo collaborato in termini tecnologici con i kiwi nell’ultima America’s Cup, ne gioverebbe.

C’è un altro importante indizio che va decisamente nella direzione monoscafo con foil. Guillarme Verdier che aveva un ruolo importante nel design team dei kiwi è lo stesso che ha concepito il monoscafo foil da 60 piedi scelto per la Volvo Ocean Race 20219-2020. In pratica se state immaginando la prossima Coppa come quella di Auckland 2000 o Valencia 2007 state decisamente sbagliando strada. I nuovi monoscafi avranno si una componente velica decisiva (vele da issare e ammainare, scotte da cazzare senza idraulica e quant’altro possiamo trovare su una barca a vela) ma dimentichiamoci i tangoni e le boline a 9 nodi dei vecchi ACC.

Ad avere giocato un ruolo decisivo nell’abbandono dei catamarani, oltre alla promessa fatta a Patrizio Bertelli, sono state le condizioni meteo medie del golfo di Auraki, teatro della prossima Coppa, spesso caratterizzate da onda formata.

Mauro Giuffrè


ENTRA NEL CLUB DEL GIORNALE DELLA VELA
Ti piace il nostro punto di vista sul mondo della vela? Allora non devi far altro che entrare nel club e iscriverti alla nostra newsletter gratuita, per ricevere ogni settimana le migliori news di vela selezionate dalla nostra redazione. Inserisci la tua mail qui sotto, accetta la Privacy Policy e clicca sul bottone “Iscrivimi”.


Una volta cliccato sul tasto qui sotto controlla la tua casella mail

Privacy*


C’è di più! Sul nostro canale YouTube ti aspetta tutta la vela, minuto per minuto. Ma in video!

ISCRIVITI GRATIS

ABBONATI E SOSTIENICI

Hai visto quanta carne al fuoco? Se apprezzi il nostro lavoro abbonati al Giornale della Vela. Non solo ricevi a casa la rivista ma ti facciamo un regalo unico: accedi all’archivio storico digitale del Giornale della Vela e leggi centinaia e centinaia tra i migliori articoli apparsi sulle pagine del GdV dal 1975 ai giorni nostri!

ABBONATI SUBITO


 

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri l’ultimo numero

Sei già abbonato?

Ultimi annunci
I nostri social
In evidenza

Può interessarti anche

Torna su